lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Arrestano 46 persone in Turchia contrari alle operazioni militari in Siria

Ankara, 22 nov (Prensa Latina) Le autorità della Turchia hanno arrestato 46 persone che hanno protestato nelle reti sociali contro l'offensiva militare del loro paese nel nordest di Siria, hanno confermato oggi i mass media in questa città. 

 
Gli accusati, inviati a prigione nella città di Adana, nel sudest del paese, sono stati incolpati di “incitare all’odio”, “insultare lo stato turco” e “disseminazione di propaganda terroristica.” 
 
L’operazione Fonte di Pace, come è stata nominata dal governo di Ankara, è stata sospesa, ma Turchia ha minacciato di riannodarla in qualunque momento. 
 
Secondo analisti, le autorità turche hanno accompagnato gli attacchi in Siria con una campagna di silenzio dentro il paese dallo stesso inizio degli attacchi, il 9 ottobre scorso. 
 
Il mese scorso, la polizia di questo paese ha arrestato altre 121 persone per pubblicare commenti critici sull’intervento militare dell’esercito turco nel nordest di Siria. 
 
In quel momento, il ministro degli Interni, Suleyman Soylu, ha sottolineato in un discorso che le sue forze vigilano strettamente tutto quello che pubblica il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), la guerriglia curda attiva in Turchia, considerato terrorista da Ankara. 
 
Nel 2018, in un’operazione militare spiegata dalle forze turche nella città siriana di Afrin, 780 persone sono state fermate in questo paese per pubblicare su internet commenti contro l’operazione militare. 
 
Ig/mml

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE