venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Donna rimane cieca in Cile: un’altra vittima della repressione

Santiago del Cile, 28 nov (Prensa Latina) Nonostante le condanne alle violazioni dei diritti umani e gli annunci di diminuire l'uso dei pallini da caccia da parte delle forze della polizia, le vittime continuano ad aumentare e l'attacco ad una donna che è rimasta cieca, commuove oggi tutto il Cile. 

 
Per tale motivo, l’Istituto Nazionale di Diritti Umani (INDH) ha presentato un’accusa per un mancato omicidio contro i carabinieri a favore di Fabiola Campillay, di 36 anni, che è stata colpita al volto da una bomba lacrimogena, fatto che ha provocato la perdita della vista in entrambi gli occhi. 
 
Il direttore dell’INDH, Sergio Micco, ha condannato i fatti ed ha considerato inaudito che in meno di un mese due persone abbiano perso completamente la visione a causa della violenta azione della polizia, che trasgredisce i protocolli che devono seguire. 
 
L’aggressione alla donna è accaduta di sera martedì scorso mentre si trovava aspettando un autobus per arrivare alla giornata notturna nel suo centro di lavoro. 
 
Precisamente questo stesso giorno si è saputo che il giovane universitario Gustavo Gatica aveva perso la visione, a dispetto degli sforzi per salvare la visione del suo secondo occhio, colpito dai pallini da caccia. 
 
Il caso di Fabiola Campillay ha confermato quello che ha denunciato l’INDH, cioè che i procedimenti della polizia devono essere con rispetto e protezione dei diritti umani, ma questo non succede ed aumentano le vittime della violenza delle forze dell’ordine, quasi sempre contro i manifestanti pacifici. 
 
Inoltre, Fabiola stava partecipando ad una protesta ed è stata aggredita gratuitamente dai carabinieri. 
 
Davanti a quanto accaduto, il colonnello dei carabinieri, Julio Santelices, ha detto questo giovedì che l’istituzione si dispiace “profondamente di quanto è successo a Fabiola”. 
 
L’alto ufficiale ha detto che questo “non è qualcosa che noi cerchiamo”, e, come ha informato, si sono presentati tutti gli antecedenti alla giustizia, affinché si faccia giustizia su quanto accaduto. 
 
Ig/rc

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE