lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Guterres insiste su azioni decisive per affrontare il cambiamento climatico

Madrid, 2 dic (Prensa Latina) Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha sollecitato oggi i paesi sviluppati affinché siano più conseguenti nella lotta contro il cambiamento climatico, invece di minimizzare le emissioni che provocano il riscaldamento globale. 

 
Senza l’impegno completo dei grandi spargitori, tutti i nostri sforzi rimarranno completamente inutili, ha sottolineato il funzionario dopo fare un appello affinché tutti i principali responsabili facciano di più. 
 
Intervenendo nell’apertura ufficiale della Convenzione Cornice delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (Cmnucc) che si estenderà fino al giorno 13, Guterres ha insistito con tutti i paesi affinché cooperino per diminuire le emissioni inquinanti. 
 
Gli indizi del cambiamento climatico sono “inconfondibili”, come il fatto che gli ultimi cinque anni sono stati i più caldi a livello globale, ha esemplificato. 
 
Ha segnalato che circa 70 paesi hanno annunciato già la loro intenzione di proporre, durante il 2020, contribuzioni nazionali più ambiziose contro il cambiamento climatico. 
 
Momenti prima, il presidente del governo spagnolo in funzioni, Pedro Sanchez, ha spiegato, nel suo discorso di apertura, che il tempo stesso ha provato che sono stoltezze quelle che affermano alcuni per negare l’emergenza climatica, “non c’è più alternativa, bisogna agire con i fatti”. 
 
Ha assicurato che la battaglia contro il cambiamento climatico, richiede “coraggio e determinazione”, di solidarietà e di leadership, ma, soprattutto, di fatti, ha sottolineato. 
 
Riferendosi alla proposta di zero emissioni per la metà del secolo, come lo vorrebbe l’Accordo di Parigi (2015), Sanchez ha detto che, raggiungere la neutralità climatica nel 2050, richiederà “audacia dal multilateralismo”. 
 
“Nessuno può sottrarsi a questa sfida. Non c’è muro sufficientemente alto che protegga da questa minaccia nessun paese, per poderoso che sia”, ha riaffermato. 
 
Vari capi di stato come quello dell’Ecuador, Lenin Moreno, e quello dell’Argentina, Mauricio Macri, sono intervenuti nell’inaugurazione dell’appuntamento. 
 
Cile presiede l’appuntamento nonostante la sua decisione di non celebrarla nella nazione sud-americana per la sua situazione sociopolitica, mentre Spagna si è offerta per accogliere la sede della Cmnucc, il cui slogan centrale nella sua 25º edizione è “Tempo di azione”. 
 
Ig/alb 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE