venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Crimine contro Berta Caceres continua impune, denunciano in Honduras

Tegucigalpa, 2 dic (Prensa Latina) Familiari di Berta Caceres ed il Consiglio Civico delle Organizzazioni Popolari ed Indigene di Honduras (Copinh) hanno denunciato oggi l'impunità davanti al crimine che ha stroncato la leader sociale ed hanno esatto giustizia. 

 
In comunicato, emesso dopo la lettura della sentenza del primo giudizio contro gli autori materiali dell’assassinio di Caceres, hanno affermato che l’impunità non finisce con questa sentenza. 
 
Hanno risaltato che esistono prove sufficienti per processare e punire gli integranti della famiglia Atala ed altri implicati nel crimine. 
 
Inoltre, hanno denunciato che lo stato di Honduras affronta attualmente processi internazionali per la partecipazione di funzionari pubblici nel fatto ed omissioni nell’investigazione dell’assassinio Caceres. 
 
Attraverso il testo, hanno sollecitato  l’installazione di una missione indipendente per il procedimento e la sottomissione a giudizio dei responsabili del crimine. 
 
D’altra parte, hanno affermato che la sentenza da 30 a 50 anni di carcere emessa contro i sette autori materiali, costituisce la prima fessura nel muro di impunità totale che sostiene la struttura criminale responsabile. 
 
“Berta, nostra sorella, continuerà ad essere un simbolo di lotta e speranza per tutti i territori che oggi continuano la battaglia in difesa della vita e che oggi sono perseguiti e criminalizzati da questa dittatura”, hanno sentenziato. 
 
“Nel Copinh continueremo con speranza a difendere il sangue della terra, costruendo per coesistere in maniera giusta, degna e per la vita”, hanno sottolineato. 
 
Il 2 marzo 2016 è stata assassinata la leader Lenca, in mezzo ad una forte lotta contro il Progetto Idroelettrico Agua Zarca, finanziato dalla Banca Olandese dello Sviluppo ed il Fondo Finlandese per la Cooperazione Industriale, che minacciava di distruggere le risorse naturali del fiume Gualcarque. 
 
L’indagine del caso Caceres è incominciata a pochi giorni dai fatti, nonostante, passati tre anni, la perizia continua aperta e si lavora ancora per identificare altri autori intellettuali inclusi nell’assassinio dell’attivista dei diritti umani di Honduras. 
 
Ig/ebe

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE