domenica 14 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Movimento sociale del Cile rifiuta agenda di sicurezza del governo

Santiago del Cile, 5 dic (Prensa Latina) La Mensa di Unità Sociale che dirige il vasto movimento popolare in Cile, ha criticato oggi le iniziative legislative del governo in materia di sicurezza, per pretendere di reprimere le manifestazioni sociali. 

 
Ieri, la Camera dei deputati ha approvato per ampia maggioranza un disegno di legge anti-saccheggi che a giudizio della Mensa criminalizza la protesta sociale. 
 
In un comunicato, la Mensa di Unità Sociale segnala che questa iniziativa penalizza con carcere gli scioperi lavorativi in attività che interrompano servizi pubblici, il diritto all’autodifesa di fronte alla repressione della polizia, l’interruzione del transito, le occupazioni di terreni, di edifici e tutte le forme di rivendicazione territoriale. 
 
Il testo ricorda che il progetto è stato approvato con 127 voti a favore, sette contrari e 13 astensioni, principalmente dei partiti Comuni e Comunista, e sottolinea che “i partiti di opposizione ed in questione il parlamento continuano a non capire la grandezza della crisi e senza farsi carico dell’esplosione e delle richieste sociali.” 
 
Considera incomprensibile che benché il movimento sociale abbia chiesto loro di respingere l’agenda legislativa ed i progetti di un governo con meno del 10% di approvazione, continuino a votare ed ad approvare i suoi progetti, in questo caso quelli che tendono a criminalizzare la protesta e l’organizzazione sociale. 
 
La Mensa di Unità Sociale che raggruppa ad oltre 200 organizzazioni ha considerato che l’approvazione di questo progetto è una continuazione della dichiarazione di guerra che ha fatto il presidente Sebastian Piñera ed ha detto di difendere il “diritto alla protesta, alla disubbidienza civile, e come stabiliscono le convenzioni internazionali, il nostro diritto allo sciopero.” 
 
Il comunicato convoca a respingere l’agenda repressiva ed a frenare il suo iter propiziato per il governo, la destra e parte dell’opposizione, e fa un appello per continuare mobilitati ed ad accelerare l’iniziativa popolare di un’Assemblea Costituente Sovrana, Paritetica e Plurinazionale e l’Agenda Sociale di Trasformazioni Urgenti. 
 
Ig/rc

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE