sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

L’ONU si preoccupa dei processi agli ex funzionari della Bolivia

La Paz, 28 feb (Prensa Latina) Mezzi locali sottolineano oggi la reiterata preoccupazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) per i processi giudiziali che il governo de facto della Bolivia porta avanti contro gli ex funzionari dell'amministrazione di Evo Morales. 

 
Ieri, l’alta commissaria dell’ONU per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha aggiornato il Consiglio dei diritti umani sulla situazione in vari paesi, ed ha riconosciuto che il paese sud-americano attraversa una crisi sociale e politica. 
 
Bachelet ha fatto enfasi sui processi penali aperti alle ex autorità ed altre persone relazionate col governo di Morales, situazione denunciata in più di un’occasione come persecuzione politica da parte del governo de facto. 
 
Gli ex ministri Juan Ramon Quintana, Javier Zavaleta, Hector Arce, Wilma Alanoca e Hugo Moldiz sono in qualità di rifugiati nella residenza dell’ambasciata del Messico a La Paz. 
 
Mentre altri due ex titolari, Carlos Romero e Cesar Cocarico, sono accusati e rispondono a processi giudiziali che svegliano molti dubbi rispetto all’assenza di prove concludenti ed al rispetto al dovuto processo, tra le altre irregolarità. 
 
Ai casi anteriori si somma quello dell’avvocata e procuratrice delle ex presidente Morales, Patricia Hermosa, detenuta dopo la sua entrata al paese per iscrivere il suo cliente come candidato a senatore nelle elezioni generali del 3 maggio. 
 
Hermosa, in prigione in stato di gravidanza, è accusata di supposti delitti di sedizione, terrorismo, finanziamento al terrorismo, corruzione; stesse accuse di altre ex autorità prima menzionate. 
 
La preoccupazione di Bachelet è condivisa da altri funzionari dell’ONU come il suo inviato speciale per Bolivia, Jean Arnaud, che ha spiegato che non devono succedere atti di persecuzione politica ed abuso di procedimenti giudiziali nell’attuale contesto del paese. 
 
Ig/avs 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE