mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Malattie associate nella maggioranza dei decessi a Cuba per COVID-19

L'Avana, 15 giu (Prensa Latina) L’80,9% dei morti per la COVID-19 in Cuba presenta delle malattie associate, ha spiegato oggi Francisco Duran, Direttore Nazionale di Epidemiologia del Ministero di Salute Pubblica. 

 
Degli 84 morti in totale, 68 di loro hanno avuto delle malattie croniche associate, ha spiegato lo specialista nella sua abituale conferenza stampa per aggiornare sulla situazione epidemiologica del paese vincolata alla COVID-19. 
 
Dalla sua apparizione in dicembre scorso in Cina, la comunità scientifica allertava sulla vulnerabilità degli anziani al nuovo coronavirus, specialmente quelli con malattie associate, ed a Cuba il maggiore numero dei decessi si concentrano negli anziani con più di 60 anni, e 50 di loro, cioè il 59,5% è stato del sesso maschile. 
 
Duran ha spiegato che del totale dei morti, 24 di loro presentavano una sola malattia cronica trasmissibile come l’ipertensione, diabete, o cardiopatia ischemica, 26 con due e 18 soffrivano tre delle malattie citate. 
 
Dopo aver spiegato che nell’isola caraibica solo quattro persone sono decedute con meno di 50 anni e nessuno di loro erano bambini e che 11 erano tra i 50 ed i 59 anni, ha anche segnalato che 26 persone vittime del nuovo coronavirus presentavano età tra gli 80 e gli 89 anni, mentre 17 si trovavano nel gruppo tra i 60 ed i 69, e 20 tra i 70 ed i 79 anni. 
 
Mentre, 13 di loro soffrivano di una malattia ostruttiva cronica, 14 di insufficienza renale cronica, 10 un tipo di cancro, alcuni di loro in stadio terminale e due soffrivano di cirrosi epatica. 
 
Cuba riporta oggi 14 nuovi casi positivi alla COVID-19 per un accumulato di 2262, 17 pazienti sono stati dimessi, per un totale di 1965 persone guarite. 
 
Da quattro giorni consecutivi non ci sono decessi, il totale resta di 84 persone decedute, per una letalità del 3,71%. 
 
Ig/alb

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE