mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Sembra che gli Stati Uniti siano in guerra con il pianeta, denuncia Cuba all’ONU

Nazioni Unite, 22 set (Prensa Latina) Il cancelliere di Cuba, Bruno Rodriguez, ha denunciato ieri all’ONU, le azioni irresponsabili del Governo degli Stati Uniti che sembrerebbe essere in guerra col pianeta, le sue risorse vitali ed i suoi abitanti.

Di seguito riportiamo il testo integrale del discorso:

“Intervento del Ministro delle Relazioni Estere di Cuba, Bruno Rodriguez, nella Riunione di Alto Livello dell’AGNU per commemorare il 75º anniversario delle Nazioni Unite, il 21 settembre 2020
 
Sig. Segretario Generale:
 
Sig. Presidente:
 
Distinti delegati: 
 
Nel 75º anniversario delle Nazioni Unite, il multilateralismo ed il Diritto Internazionale sono minacciati dalla più grande potenza mondiale. La condotta irresponsabile degli Stati Uniti è il maggiore pericolo per la pace e la sicurezza internazionali. Promuove conflitti, guerre non convenzionali e commerciali ed impone misure coercitive unilaterali severe e dilapida -nella sua corsa militarista – risorse indispensabili per lo sviluppo sostenibile dei nostri paesi, mentre si rifiuta di cooperare nel confronto delle crisi molteplici generate dalla devastatrice COVID-19.  
 
Gli Stati Uniti ignorano accordi importanti in materia ambientale, sul disarmo e sul controllo degli armamenti ed abbandonano forum internazionali come l’Organizzazione Mondiale della Salute, l’Unesco od il Consiglio dei Diritti Umani. Sembrerebbe che siano in guerra col pianeta, con le sue risorse vitali e con i suoi abitanti.  
 
Ostacolano la soluzione ampia, giusta e duratura al conflitto israeliano-palestinese, che questa Organizzazione storicamente ha sempre reclamato. Propongono il denominato “Accordo del secolo” che minaccia il futuro dello Stato della Palestina, con le frontiere anteriori al 1967 e con Gerusalemme Orientale come sua capitale.  
 
Negano al popolo di Portorico il diritto alla libera determinazione ed indipendenza, mentre sta per concludersi il Terzo Decennio Internazionale per l’Eliminazione del Colonialismo.  
 
Interferiscono nei temi interni di decine di Stati membri dell’ONU e minacciano quelli che accusano di influenzare il loro sistema elettorale corrotto. La paura e la menzogna ripetute risultano le armi innovative nella loro strategia mediatica disonesta e di disinformazione. 
 
Calpestano il Proclama dell’America Latina e dei Caraibi come Zona di Pace, riattivando la Dottrina Monroe.  
 
Contro Cuba, elevano la loro ostilità a livelli qualitativamente superiori. Violano in forma sistematica i diritti umani del popolo cubano, inasprendo il blocco economico, commerciale e finanziario ed il suo carattere extraterritoriale. Sono quelli che attaccano impudentemente la nostra cooperazione medica ed i governi che la sollecitano legittimamente, arrogandosi il diritto di ostacolare la salute di altre nazioni; mentre sono l’epicentro della pandemia della COVID-19 che, per irresponsabilità ed opportunismo elettorale, è costata la vita a quasi 200 mila dei loro cittadini.  
 
Sig. Presidente: 
 
A 75 anni di avere sottoscritto la Carta delle Nazioni Unite, urge riaffermare il nostro impegno coi principi del Diritto Internazionale ed il rinvigorimento del multilateralismo, della cooperazione con gli organismi internazionali e l’empowerment di questa Assemblea Generale. Moltiplichiamo la cooperazione e la solidarietà. Costruiamo un ordine internazionale democratico, giusto e sostenibile.

Molte grazie”.

Ig

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE