lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La coalizione UNES avrà un duo presidenziale alle elezioni in Ecuador

La coalizione di opposizione Union por la Esperanza (UNES) ha assicurato oggi la partecipazione della sua proposta di binomio

presidenziale alle elezioni generali dell’Ecuador 2021, dopo lunghe giornate di proteste che reclamavano il rispetto della democrazia.

UNES potrà partecipare alle elezioni grazie alla decisione del Consiglio Elettorale Nazionale (CNE) di ammettere l’obiezione presentata per sostituire la candidatura dell’ex presidente Rafael Correa alla vicepresidenza, per causa di disabilità dopo la conferma di una sentenza nei suoi confronti nel caso Tangenti, considerato da molti un complotto per metterlo fuori legge.

La sentenza ha ottenuto la maggioranza, con il voto favorevole della presidentessa del CNE, Diana Atamaint.

“In un momento in cui la democrazia ecuadoriana sta attraversando circostanze difficili e complesse, dobbiamo prendere decisioni importanti per la storia del paese”, ha detto Atamaint prima del voto.

La presidentessa ha detto che la responsabilità del CNE è di agire con indipendenza politica per difendere la democrazia e la
stabilità istituzionale dello Stato e l’obbligo di comprendere che il pluralismo politico è il principio guida della democrazia e dello
sviluppo della società.

“Ciò implica il rispetto della libertà di decisione degli ecuadoriani. Non spetta a noi ostacolare la partecipazione politica o porre
freni o limiti alla libera azione delle diverse espressioni politiche e programmatiche”, ha avvertito.

Ha anche aggiunto che nelle elezioni le diverse correnti di pensiero politico devono ricevere la fiducia e il sostegno dei cittadini.

A giudizio del CNE, UNES ha un termine di due giorni per designare il sostituto di Correa, responsabilità che ricadrà sul
comunicatore Carlos Rabascall, precedentemente definito dall’organizzazione per far parte, insieme ad Andres Arauz (nominato presidente), del cosiddetto Binomio della Speranza.

Per diverse settimane, la coalizione ha denunciato i tentativi di rimuoverla dal registro delle organizzazioni politiche e di impedire la candidatura del suo duo presidenziale, ed i suoi allarmi hanno generato preoccupazione all’interno e all’esterno del paese.

“Ora, il popolo ecuadoriano avrà l’opportunità, alle urne, di ritrovare la speranza, di ritrovare la dignità. Questo è quello che siamo venuti a fare qui”, ha detto Andres Arauz in una prima reazione pubblica alla sentenza, dall’esterno del CNE, dove si è riunito con i sostenitori dell’UNES fino a dopo mezzanotte.

In un intervento breve, ma emotivo, l’economista ha stabilito che gli ecuadoriani sono stufi di tutto il tempo perso e di vedere come le attuali priorità siano persecuzione, odio e vendetta.

I prossimi passi, ha detto, saranno consolidare il lavoro per mantenere le promesse fatte a tutti i settori della popolazione
rappresentata nell’Unione per la Speranza, che riunisce movimenti di studenti, contadini, afro-discendenti, donne, indigeni,
intellettuali e lavoratori, tra gli altri settori.

Per coloro che difendono l’UNES, continuità della Revolucion Ciudadana, che andrà alle urne il 7 febbraio per recuperare il Paese, è necessario vincere ed è per questo che lavoreranno duramente per poterlo fare al primo turno elettorale, ha detto.

Per la seconda volta nella storia dell’Ecuador, il 30 settembre è stato registrato come data storica, in cui la democrazia ha trionfato, perché un decennio fa, lo stesso giorno del 2010, il popolo e le sue forze armate hanno salvato l’allora presidente Rafael Correa, che era detenuto da poliziotti corrotti, in un tentativo di golpe di stato fallito.

Sinay Cespedes Moreno, corrispondente di Prensa Latina in Ecuador

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE