venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La nuova normalità a Cuba richiede responsabilità contro la COVID-19

L'Avana, 9 ott (Prensa Latina) La nuova normalità a Cuba, che entrerà in vigore lunedì prossimo, sarà una sfida per una crescente responsabilità dei cittadini e permetterà di convivere con la COVID-19.

Dal 12 ottobre la maggior parte di questo Paese caraibico inizierà questa nuova fase, che prevede la riattivazione di servizi e attività a pieno regime, con protocolli di sorveglianza epidemiologica che saranno responsabilità di tutti i cittadini.

Tutto ciò è stato annunciato giovedì dal presidente cubano, Miguel Diaz-Canel, e il primo ministro, Manuel Marrero, durante un’apparizione televisiva al programma Mesa Redonda.

Le province di Sancti Spiritus e Ciego de Avila, nel centro del paese, rimarranno nella fase di trasmissione autoctona, mentre L’Avana avanzerà alla terza fase, con l’apertura quasi totale dei servizi e delle attività produttive, sebbene senza riavvio dei voli commerciali internazionali.

Durante la nuova fase, che prevede l’apertura della frontiera nei territori in cui viene applicata, verranno effettuati test PCR su tutti i viaggiatori in arrivo sull’isola, che attenderanno i risultati in hotel o nelle case in affitto sotto sorveglianza sanitaria.

Comprende anche l’uso obbligatorio della mascherina in spazi chiusi ed affollati, igiene personale, allontanamento fisico e disinfezione di case e luoghi di lavoro.

Il presidente cubano ha precisato che la strategia va oltre le chiusure e le quarantene per stabilire un “gruppo molto pratico di procedure operative secondo il principio di razionalità”.

“Se ci sono focolai, il centro di lavoro o l’isolato saranno chiusi, la provincia o il comune non saranno chiusi, la vita deve continuare”, ha spiegato Diaz-Canel.

Allo stesso modo, i contatti di casi positivi e sospetti saranno inseriti nelle loro case, mentre i centri di isolamento ospiteranno coloro che non possono stare in quarantena a casa da soli, come gli anziani.

Questa fase ha lo scopo fondamentale di garantire la salute della popolazione mentre l’attività economica ed i servizi saranno ripresi sotto stretto controllo epidemiologico e misure igienico-sanitarie, ha assicurato il presidente del Consiglio.

La nuova normalità, ha sottolineato, suppone l’adozione di uno stile di vita che favorisca la salute individuale e collettiva.

Ig/ebr

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE