mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il governo de facto della Bolivia riconosce la vittoria del MAS

La Paz, 19 ott (Prensa Latina) La presidentessa de facto della Bolivia, Jeanine Añez, ha riconosciuto oggi la sconfitta della destra alle elezioni generali di domenica scorsa, nelle quali è stato vittorioso il binomio Movimento al Socialismo (MAS).

“Non abbiamo ancora un conteggio ufficiale, ma sulla base dei dati che abbiamo, il signor Luis Arce e il signor David Choquehuanca hanno vinto le elezioni. Mi congratulo con i vincitori e chiedo loro di governare pensando alla Bolivia ed alla democrazia”, ha detto sul suo account di Twitter ed ha ammesso la sconfitta.

La formula del MAS, composta da Arce e Choquehuanca, ha vinto le elezioni generali boliviane con il 52,1% dei voti, ha annunciato la ditta di sondaggi Ciesmori per Unitel.

Secondo i risultati degli exit poll, annunciati quasi quattro ore dopo dalla Corte Suprema Elettorale, al secondo posto c’è Carlos Mesa, della Comunidad Ciudadana, con il 31,5%, ed al terzo posto Luis Fernando Camacho, di Creemos, con il 14,1%.

Domenica i boliviani hanno sfidato la pandemia della COVID-19 e sono usciti per esercitare il loro diritto al voto, dopo quasi un anno di governo imposto nel contesto di un golpe di stato

Il 10 novembre, l’allora presidente Evo Morales si è dimesso dall’incarico sotto la pressione degli alti ufficiali militari e della polizia.

Il golpe di stato ha avuto il sostegno dell’Organizzazione degli Stati Americani che ha dichiarato le elezioni del 20 ottobre, quando è stato eletto Morales, come fraudolente.

Il governo de facto è stato caratterizzato dalla generazione di una crisi economica, politica e sociale che, secondo gli esperti, sarà difficile da invertire.

Ha anche distrutto numerosi programmi sociali a favore del popolo, ha esercitato persecuzioni politiche contro i membri del MAS ed è stato responsabile delle stragi di Sacaba e di Senkata.

Ig/otf

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE