martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Un morto e quasi 600 arresti durante i disordini in Cile

Santiago del Cile, 19 ott (Prensa Latina) Una morte e 580 detenuti sono il bilancio delle rivolte di ieri in questa capitale ed in altre città dopo le manifestazioni pacifiche per commemorare un anno di proteste, dal 18 ottobre 2019.

Come ha riferito il sottosegretario all’Interno, Juan Francisco Galli ed il direttore nazionale dell’ordine e della sicurezza dei carabinieri, il generale Ricardo Yáñez, del numero totale dei detenuti durante domenica e lunedì mattina presto, 287 erano nella regione metropolitana.

La maggior parte degli arresti, 250, erano dovuti a infrazioni per “aver messo in pericolo la salute pubblica”, ma 183 persone sono state anche arrestate per disordini pubblici e 95 per saccheggi, secondo le autorità.

Sebbene non si riferissero ai possibili feriti tra i civili, hanno indicato che 116 agenti di polizia sono rimasti feriti, e più di cinquanta veicoli ufficiali sono stati danneggiati.

La persona deceduta è stata riportata nella comuna Pedro Aguirre Cerda, ed è avvenuto, secondo il sottosegretario Galli, nel mezzo di un attacco ad un veicolo della polizia e si è registrato uno scambio di colpi con gli uomini in divisa, e l’uomo “è arrivato morto in ospedale”.

Secondo Galli, la polizia ha consentito le manifestazioni senza incidenti, ma quando sono iniziati gli atti di violenza “hanno proceduto secondo quanto appreso quest’anno. In primo luogo, a salvaguardare i diritti delle persone “, ha affermato.

La versione dell’alto ufficiale si scontra con quanto espresso da molti cittadini in relazione alla quasi totale assenza di agenti di polizia nei luoghi in cui sono avvenuti saccheggi e incendi.

In concomitanza con ciò, la nuova procuratrice capo della Procura del Centro Nord, Macarena Cañas, in dichiarazioni alla stampa ha sottolineato la mancanza di arresti a seguito dell’incendio e della distruzione di due chiese.

Ha anche indicato che 125 persone sono state detenute, in questa procura, per crimini comuni, per saccheggi o per aver tirato bombe fatte in casa.

Ig/rc

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE