domenica 21 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Evo Morales chiede le dimissioni di Luis Almagro

Buenos Aires, 22 ott (Prensa Latina) L'ex presidente Evo Morales ha chiesto oggi le dimissioni del segretario generale dell'OSA, Luis Almagro, dopo aver affermato che le sue mani sono macchiate del sangue del popolo boliviano e gli manca l'autorità morale per dirigere il destino dell'organizzazione .

“Che non esistano mai più persone come Luis Almagro”, ha dichiarato l’ex presidente in una conferenza stampa, osservando che il resoconto dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) ha sostenuto la macchina di un golpe di stato che è costato la vita a molti suoi connazionali.

Da una delle stanze dell’Hotel Quagliaro, il primo presidente indigeno della Bolivia ha denunciato con forza l’OSA, sottolineando che il suo segretario generale ha fatto danni irreparabili e, dopo aver chiesto le sue dimissioni, ha indicato che se non lo farà chiederà agli stati membri che avviano, ai sensi della Carta dell’OSA, le procedure pertinenti per il suo licenziamento.

Inoltre, l’ex presidente, rifugiato politico in Argentina, ha chiesto un audit indipendente del lavoro tecnico che ha portato alla preparazione di quel resoconto sulle elezioni del novembre 2019, che ha definito fraudolento, per stabilire responsabilità e rimuovere ogni ombra dalle persone che sono state delle vittime di una cospirazione e di un golpe di stato, ha detto.

D’altra parte, Morales ha annunciato che presenterà una denuncia alla Corte Penale Internazionale in modo che i responsabili del golpe di stato possano essere processati e perseguiti. In questo modo, ha affermato, si eviterà che altri popoli dell’America Latina soffrano ciò che ha sofferto il popolo boliviano.

Riguardo al trionfo del Movimento Al socialismo (MAS) domenica scorsa, ha sottolineato che la percentuale ottenuta nelle elezioni ha riconfermato “che non c’è stata frode, c’è stato un golpe di stato”. L’anno scorso abbiamo vinto le elezioni in modo pulito, i risultati del 2019 e del 2020 sono praticamente gli stessi, anzi quest’anno il MAS gli ha addirittura superati, ha sottolineato.

Dopo aver descritto le recenti elezioni come un fatto storico dopo tante sofferenze, il leader indigeno ha affermato che si fida del popolo, che è consapevole del processo di cambiamento, ed ha sottolineato che il MAS avrà anche la maggioranza in entrambe le Camere del Congresso.

Infine, ha detto che il nuovo presidente boliviano, Luis Arce, è il leader di cui il suo paese ha bisogno per riprendere il cammino democratico ed iniziare a risolvere la crisi, ed ha insistito ancora una volta per rafforzare l’unità latinoamericana e rimettere in piedi l’Unasur (Unione delle Nazioni Sudamericane).

Ig/may

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE