mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Evo è già in Bolivia

La Quiaca, Argentina, 9 nov (Prensa Latina) Accompagnato dal presidente argentino Alberto Fernandez, l'ex presidente boliviano Evo Morales è arrivato oggi a casa dalla città di confine di Villazón, dove centinaia di persone lo aspettavano con canti e una grande "jallalla" .

Con quella parola in lingua quechua-aymara, che unisce i concetti di speranza, celebrazione e beatitudine, i suoi connazionali hanno accolto Morales in un incontro carico di simbolismo dopo 11 mesi molto difficili, quando ha dovuto lasciare il paese per preservare la sua vita dopo il golpe di stato.

Pochi minuti prima, sul lato argentino del ponte che unisce i due paesi, l’ex presidente boliviano ha espresso di non aver mai dubitato che sarebbe tornato, dopo aver descritto la vittoria del Movimento Al Socialismo (MAS) come qualcosa di storico e senza precedenti grazie all’unità delle persone e l’accompagnamento del mondo.

L’anno scorso in questi giorni abbiamo subito il golpe al nostro modello economico, alle nostre risorse naturali. Ancora una volta si ripete la storia della lotta permanente per la vita, la pace e la democrazia, ha espresso dopo aver ringraziato il presidente Alberto Fernández.

Sottolineando che non si è mai sentito abbandonato, Morales ha affermato che oggi la lotta dei popoli continuerà, finché esistono capitalismo e imperialismo.

Inoltre, visibilmente commosso, il presidente argentino ha accompagnato Morales mentre attraversava il ponte per tornare in patria, un’occasione in cui ha espresso che ciò che Morales ha vissuto in Bolivia è un’esperienza per pensare come l’America Latina si è disintegrata negli ultimi quattro anni.

“Facciamo parte di un grande paese che vuole crescere, vuole giustizia e sviluppo per tutti, abbraccia tutti, non solo alcuni. Non vogliamo paesi solo per alcuni ma per tutti”, ha osservato.

Il Capo dello Stato argentino ha aggiunto che per raggiungere questo obiettivo il continente ha uno strumento potente, “si chiama democrazia ed è il dovere di ciascuno di noi è venire in aiuto di quei popoli che sono minacciati e feriti da rivolte come quella subita da Evo”.

I canti autoctoni boliviani sono risuonati sul ponte, dove molti si sono riuniti per abbracciare il primo presidente indigeno della Bolivia con le bandiere di entrambi i paesi come simbolo di unità e solidarietà tra i popoli.

Dal Chapare, le comunità indigene sono arrivate a Villazón e scorteranno Evo a Chimoré in una carovana di mille chilometri, mercoledì prossimo, lo stesso giorno e luogo da cui hanno dovuto lasciare il Paese con l’aiuto dei governi di Messico, Argentina e Paraguay.

Ig/may

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE