sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Argentina entusiasta dopo l’approvazione dell’aborto

Buenos Aires, 30 dic (Prensa Latina) L'euforia si fa sentire oggi in un'Argentina entusiasta, dopo la storica approvazione della legge per l'interruzione legale della gravidanza.

 

È stata un’emozione trattenuta da tanti anni, una battaglia collettiva contro il potere storico fatta da centinaia di collettivi femministi che, grazie alla loro resistenza, hanno reso possibile l’accesso libero e legale all’aborto fino alla 14º settimana di gestazione.

La voce di un personaggio politico storico, la vicepresidentessa e presidentessa del Senato, Cristina Fernández, che ha annunciato alle quattro del mattino e dopo 12 ore di dibattiti la notizia, è stata un balsamo di gioia per migliaia di migliaia di argentine da Buenos Aires fino alla Patagonia ed oltre i confini.

“Ancora una volta un governo peronista ha restituito i diritti”, hanno concordato molti di coloro che erano nella piazza davanti al Congresso quasi fino all’alba, che hanno inviato la loro eterna gratitudine al presidente Alberto Fernández e al suo team per questo progetto, che ora è legge.

Poco dopo le cinque del mattino il presidente ha fatto riferimento a questa giornata storica per il Paese.

‘L’aborto sicuro, legale e gratuito è legge. Ho promesso di farlo nei giorni della campagna elettorale. Oggi siamo una società migliore che amplia i diritti delle donne e garantisce la salute pubblica. Recupera il valore della parola data come impegno politico”, ha sottolineato il presidente sul suo account di Twitter.

Da un palco del Senato è stata vista entusiasta anche Elizabeth Gómez Alcorta, ministra delle Donne, del genere e della diversità, un gabinetto creato in questo primo anno di governo di Fernández.

È stata approvata la legge nazionale per l’assistenza sanitaria completa e l’attenzione durante la gravidanza e la prima infanzia. Oggi conquistiamo il diritto delle donne, di altre persone incinte e dei loro figli a portare avanti i loro progetti di vita in libertà ”, ha scritto il funzionario su Twitter.

Grande impatto ha generato l’approvazione della legge in Argentina, dove fino ad oggi vengono praticate in clandestinità e nei modi più sorprendenti 500.000 interruzioni annuali di gravidanza, dove molte donne hanno perso la vita a causa di questa procedura in condizioni subumane.

Una pietra miliare per un paese che ha guidato molteplici conquiste sociali nel continente come la legge sul matrimonio ugualitario, la legge sull’identità di genere e ora entra nella breve lista delle nazioni che consentono l’accesso legale all’aborto.

Fuori dai confini la notizia si fa sentire ed anche il presidente del governo spagnolo, Pedro Sánchez, ha fatto riferimento a questa giornata storica sottolineando che Argentina è oggi una nazione più femminista.

 

Ig/may

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE