lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

L’OMS mette in guardia contro la mancata distribuzione dei vaccini contro la COVID-19

Ginevra, 18 gen (Prensa Latina) I paesi poveri sono i più colpiti dall'ineguaglianza nella distribuzione dei vaccini contro la COVID-19 e pagheranno prezzi elevati per ottenere l'immunizzazione, ha affermato il direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

“Devo essere sincero: il mondo è sull’orlo di un catastrofico fallimento morale, e il prezzo di questo fallimento sarà pagato con vite e mezzi di sussistenza nei paesi più poveri del mondo”, ha detto il capo durante la riunione esecutiva dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Ha sottolineato che l’organizzazione ritiene corretto che tutti i governi diano la priorità alla vaccinazione dei loro operatori sanitari e dei gruppi vulnerabili, tuttavia, non è appropriato che adulti più giovani e più sani delle nazioni ricche siano immunizzati prima dei medici e degli anziani nei territori in via di sviluppo, ha detto.

“Ora affrontiamo il vero pericolo che, sebbene i vaccini portino speranza ad alcuni, diventino un altro mattone nel muro della disuguaglianza tra coloro che hanno risorse e coloro che non ne hanno”, ha detto.

I dati dell’OMS indicano che fino ad oggi più di 39 milioni di dosi di vaccino contro il virus SARS-CoV-2 sono state somministrate in almeno 49 paesi ad alto reddito e 25 paesi a basso reddito. 

Inoltre, alcuni paesi e aziende, ha spiegato Adhanom Ghebreyesus, raggiungono accordi bilaterali, evitando Covax (Vaccine Global Access), che rende possibile l’aumento dei prezzi, l’accaparramento e una risposta non coordinata alla pandemia.

L’anno scorso sono stati firmati 44 accordi bilaterali e finora nel 2021 almeno 12 sono stati consolidati.

“Un tale approccio mette a rischio le persone più povere e vulnerabili del mondo e, a lungo termine, non farà che prolungare la recuperazione della malattia, nonché le restrizioni necessarie per contenerla”, ha osservato il titolare.

Ha anche chiesto che i governi lavorino in solidarietà per i primi 100 giorni di quest’anno per avviare la vaccinazione degli operatori sanitari e degli anziani.

 

Ig/cdg

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE