martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il blocco colpisce 250000 malati cronici in Siria

Damasco, 10 feb (Prensa Latina) Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall'Unione Europea a Siria ostacolano l'importazione di medicinali per oltre 250000 persone colpite da malattie croniche, denunciano le autorità del settore sanitario.

Il blocco ostacola il processo di acquisizione di farmaci per le persone malate di cuore, malattie ematologiche, cancro, sclerosi multipla, epatite C, diabete, leishmaniosi e trapianti di rene, tra gli altri, ha affermato Jamal Khamis, direttore delle malattie trasmissibili e croniche presso il Ministero della Salute.

Ha sottolineato che la “Legge Cesare”, imposta a metà del 2020, ha reso ancora più difficile l’arrivo di materie prime per le fabbriche nazionali di farmaci, in particolare per il confezionamento di farmaci e fiale, nonché di reagenti di laboratorio.

Il governo sovvenziona 23 tipi di farmaci generici e li vende a prezzi accessibili, e la domanda di questi farmaci è aumentata vertiginosamente a causa della difficile situazione economica dei pazienti, che non possono più acquistarli, ha spiegato il funzionario.

Ha denunciato che le aziende europee hanno smesso di trattare con entità siriane e di esportare medicinali nel paese per paura di essere sanzionate, il che ha aumentato gli alti costi di importazione tramite terzi.

Prima della guerra iniziata nel 2011, Siria aveva 70 stabilimenti farmaceutici la cui produzione copriva il 93% del fabbisogno del mercato nazionale e, inoltre, esportava in oltre 44 paesi.

Le azioni terroristiche hanno causato la distruzione e lo smantellamento di 19 impianti, e nonostante il governo abbia riattivato l’industria, le ditte non funzionano a pieno regime a causa della guerra economica e coprono solo il 70% del fabbisogno.

 

Ig/fm 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE