lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Esperta siriana denuncia saccheggi da parte di Israele nei siti archeologici

Damasco, 15 feb (Prensa Latina) Camilia Abu Jabal, professoressa del Dipartimento di Storia dell'Università di Damasco, ha denunciato in un articolo di oggi il saccheggio da parte di Israele delle antichità del Golan siriano occupato.

Ha anche indicato che tali azioni sono un tentativo di distruzione del patrimonio culturale arabo dall’inizio dell’occupazione.

A partire dal 1967 l’allora ministro della Guerra israeliano, Moshe Dayan, permise il furto di pezzi archeologici nel villaggio di Al-Fakhoura nel centro del Golan, inclusa la Corona della Grande Colonna di Marmo con un lampadario a sette punte.

Lo specialista sottolinea che le autorità di occupazione hanno divulgato presunti resoconti basati sulla falsificazione di monumenti e prove archeologiche, come è accaduto negli scavi di Khirbet al-Dalia, Al-Dardara e Deir al-Aziz, e hanno demolito più di 110 villaggi siriani con siti archeologici.

In tal senso, ha sottolineato che quei siti archeologici nel Golan sono stati gravemente danneggiati utilizzandoli per scopi militari, con munizioni vere, oltre a sostituire i nomi arabi con quelli ebraici per nascondere le loro caratteristiche storiche, nell’Abu al- Nada, Al-Aram e Sheikha.

Oltre alla distruzione sistematica della maggior parte dei siti archeologici siriani, gli occupanti ne hanno preservati alcuni per utilizzarli a fini turistici, compresi quelli di Al-Hari e la Chiesa della Cattedra.

Abu Jabal, originaria della città del Golan di Majdal Shams, ha affermato che tutti questi tentativi israeliani non sono riusciti a cambiare l’identità araba siriana, nonostante la creazione di una missione chiamata “The Land of Geshour” in più di 200 siti archeologici.

La cosiddetta Israel Antiquities Authority intende, insieme ad altre istituzioni sioniste, distorcere e falsificare la storia, sottolinea l’esperta nell’articolo pubblicato e ribadisce che il diritto internazionale vieta gli scavi di antichità nei territori occupati o qualsiasi azione che ne modifichi le caratteristiche.

 

Ig/pgh 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE