lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La CIA collegata ai presunti attacchi acustici a Cuba

I presunti attacchi acustici contro i diplomatici statunitensi a Cuba sono stati un pretesto per coinvolgere la CIA ed ostacolare le relazioni con l'isola, ha detto il generale di divisione (in pensione) Fabián Escalante.

“Non si riesce a trovare ciò che non esiste, quegli attacchi sono stati un’operazione della CIA”, ha aggiunto in un’intervista esclusiva a Prensa Latina lo studioso della sicurezza di Stato.

Secondo l’analista, la cosiddetta sindrome de L’Avana ha risposto alla richiesta del governo dell’ex presidente Donald Trump (2017-2021) di porre fine ai legami tra i due paesi e soffocare la nazione caraibica.

L’amministrazione del magnate voleva un pretesto per rompere i legami con L’Avana e giustificare le oltre 200 misure prese contro il paese durante il suo mandato, ha denunciato.

“Come emettere un’onda radio che colpisce alcuni e altri no?”, ha chiesto l’esperto, riferendosi agli episodi descritti dai diplomatici.

Lo conferma anche un rapporto del Dipartimento di Stato statunitense, recentemente declassificato, che conferma la mancanza di prove per collegare Cuba ai misteriosi problemi di salute che hanno colpito i funzionari statunitensi.

Il testo suggerisce che l’ordine di Trump di smantellare l’ambasciata de L’Avana all’inizio del 2018, in risposta agli “attacchi acustici”, è stata una “risposta politica provocata da una cattiva gestione, mancanza di coordinamento e mancato rispetto delle procedure”.

‘Il meccanismo della causa delle lesioni è attualmente sconosciuto. Non sappiamo il motivo di questi incidenti, quando sono realmente iniziati, o chi lo ha fatto’, si legge nel documento redatto nel 2018, dopo quattro mesi di lavoro.

La declassificazione di questo rapporto indica un momento di cambiamento nella politica degli Stati Uniti nei confronti di Cuba con l’ascesa al potere del democratico Joe Biden, ha detto Escalante.

Per il ricercatore, però, le trasformazioni dalla nuova amministrazione non saranno drastiche in termini di obiettivi.

“I meccanismi di governo nella società statunitense non sono così semplici come sembrano e nemmeno loro sono interessati in tutto ciò”, ha detto.

L’amministrazione Biden cercherà di fare certe liberazioni su questioni come le rimesse e la regolarità dei voli, riattivare i consolati e le ambasciate in entrambi i paesi, nonché ristabilire alcuni accordi come quello per combattere il traffico di droga, ha detto.

Allo stesso tempo, intendono usare Biden per trasmettere aspettative come parte della consueta guerra psicologica contro l’isola, ha detto.

Usano il potere di piccole aziende private per generare un presunto miglioramento economico nel paese, quando in realtà vogliono distruggere il modello sociale cubano.

Il loro obiettivo è porre fine al governo rivoluzionario, approfittare di questo tempo e delle nuove generazioni per confondere e cercare di ottenere ciò che prima non avevano ottenuto, ha aggiunto.

“Non si tratta solo di risolvere il problema storico del dominio su Cuba, si tratta di dimostrare ad America Latina e al mondo che questo è possibile”, ha concluso.

Elizabeth Borrego Rodriguez, giornalista di Prensa Latina 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE