giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Siria condanna l’aggressione degli Stati Uniti

Damasco, 26 feb (Prensa Latina) Siria ha condannato oggi l'aggressione statunitense al confine con l'Iraq e ha avvertito che "ci saranno conseguenze che aggraveranno la situazione nella regione".

 

Una dichiarazione del ministero degli Esteri rileva che “un’aggressione così codarda contro aree nella provincia di Deir ez-Zor vicino al confine siriano-iracheno, contraddice il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite”.

 

“Quello che stanno facendo le forze di occupazione statunitensi è un flagrante attacco alla sovranità, unità e integrità dei territori siriani e una violazione del diritto internazionale e delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza relative a questa nazione”, afferma il comunicato.

 

Nella nota, gli Stati Uniti sono chiamati a “cambiare il loro approccio aggressivo nei confronti della Siria e a smettere di fornire supporto alle organizzazioni terroristiche che continuano ad attaccare la nazione e il suo popolo”.

 

L’attacco, di cui non abbiamo i dettagli fino ad ora, ha riguardato l’area di Abukamal, sulle rive del fiume Eufrate, a meno di 10 chilometri dal confine con l’Iraq e a circa 470 km a nord-est di Damasco.

 

Da parte loro, i media citano che anche Russia ha censurato questa azione e diffonde le dichiarazioni del ministro degli Esteri di quella nazione, Sergei Lavrov.

 

“Hanno informato i nostri militari con quattro o cinque minuti di anticipo”, ha detto il ministro degli Esteri russo, aggiungendo che “tale notifica è inutile quando l’attacco è già in corso”.

 

Ha ricordato che gli Stati Uniti si trovano illegalmente nel territorio della Siria e quindi violano il diritto internazionale, inclusa la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla sovranità di questa nazione del Levante.

 

Ig/pgh

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE