mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Denunciano la situazione umanitaria delle comunità indigene in Colombia

Bogotá, 18 mar (Prensa Latina) La Conferenza Episcopale della Colombia ha denunciato oggi la complessa situazione umanitaria nelle comunità indigene a causa delle azioni di gruppi irregolari nel comune di Murindó, nel nord-est del dipartimento di Antioquia.

 

Nel corso di una conferenza stampa, l’istituzione della Chiesa cattolica ha presentato le conclusioni di un’indagine condotta in quel territorio da membri delle diocesi di Quibdó e Apartadó, il Consiglio comunale di Murindó, il Coordinamento regionale del Pacifico, tra gli altri.

 

Sia le forze di Autodefensa Gaitanistas de Colombia che l’Esercito di Liberazione Nazionale hanno commesso gravi violazioni del diritto internazionale nella loro disputa su quell’area, vista come un corridoio strategico, ha denunciato la commissione.

 

A causa dello scontro e della presenza di questi gruppi armati, le comunità indigene sono state vittime di sfollamenti forzati, reclusione, minacce a leader e comunità, reclutamento di minori e perdita dell’autonomia del loro territorio, ha affermato.

 

Allo stesso modo, hanno costretto le donne e i bambini della comunità di Turriquitadó Alto a trasferirsi dopo aver installato mine antiuomo davanti alla scuola e davanti alle loro case, hanno rivelato le delegazioni.

 

Circa 140 indigeni hanno abbandonato i loro territori in conseguenza di questi eventi; tuttavia, le famiglie sono confinate e isolate perché non possono muoversi, hanno aggiunto.

 

La Conferenza Episcopale chiede l’intervento del governo del presidente Iván Duque in questa regione per garantire i diritti sociali, la bonifica della terra, l’aiuto umanitario urgente e la protezione collettiva delle comunità indigene.

 

Ig/znc 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE