lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Riconoscono il contributo di Cuba al salvataggio della nave da crociera MS Braemar

L'Avana, 18 mar (Prensa Latina) L'ambasciatore del Regno Unito a Cuba, Antony Stokes, ha riconosciuto oggi il contributo del paese caraibico nel salvare le centinaia di passeggeri a bordo della nave da crociera MS Braemar, esattamente un anno fa.

 

Secondo il suo account ufficiale in Twitter, l’operazione “non sarebbe stata possibile senza il sostegno del governo e del popolo cubano” e ha evidenziato “una partecipazione positiva e fruttuosa tra i nostri paesi”.

 

“365 giorni fa abbiamo vissuto momenti di intensa pianificazione e scambi diplomatici, visite e videoconferenze, ma, soprattutto, molto impegno per specificare una strategia sicura, indipendentemente dalla sua complessità epidemiologica”, ha detto.

 

Sempre oggi, il ministro delle Relazioni Internazionali cubano, Bruno Rodríguez, ha ricordato l’assistenza del suo paese a MS Braemar e ha assicurato che questo gesto costituisce un orgoglio per l’isola.

 

Alla fine di febbraio del 2020, la nave da crociera con 682 passeggeri e 381 membri dell’equipaggio ha chiesto aiuto ai paesi caraibici.

 

La nave della compagnia britannica Fred Olsen, con a bordo almeno cinque casi positivi per il coronavirus SARS-CoV-2, che causa la COVID-19, e 40 sospetti, è stata respinta da diversi paesi ed è rimasta ancorata per alcuni giorni al largo della costa delle Bahamas.

 

Il 16 marzo, il Ministero delle Relazioni Internazionali cubano ha annunciato la decisione di consentire l’ormeggio della nave e il rimpatrio dei passeggeri per via aerea, in risposta a una richiesta del governo britannico.

 

Per questo, la nazione caraibica ha adottato le misure sanitarie stabilite per ricevere questi cittadini, in base ai protocolli internazionali e al Ministero della Sanità Pubblica cubano.

 

Il 18 di quel mese i croceristi sono arrivati al porto del Mariel, nella provincia occidentale di Artemisa, e sono stati trasferiti in carovane all’aeroporto internazionale José Martí de L’Avana.

 

Una volta lì, sono stati imbarcati su quattro voli charter organizzati e sono tornati nel Regno Unito e Irlanda del Nord.

 

Ig/cgc 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE