lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cresce l’esigenza globale per la fine del bloqueo contro Cuba

L'Avana, 23 mar (Prensa Latina) La fine del bloqueo genocida degli Stati Uniti contro Cuba si rafforza oggi come esigenza globale di politici, personalità e organizzazioni.

 

Da Parigi, il presidente dell’associazione Cuba Coopération France, Víctor Fernández, ha ritenuto essenziale aumentare la pressione internazionale contro il bloqueo economico, commerciale e finanziario dell’isola da parte degli Stati Uniti.

 

Una forte pressione è essenziale affinché Washington revochi il bloqueo e metta fine alla legge Helms-Burton, poiché le sue azioni rappresentano il principale ostacolo allo sviluppo socio-economico di Cuba, ha sottolineato in dichiarazioni a Prensa Latina.

 

Gli Stati Uniti attaccano i paesi che sono liberi dalla loro politica, perché impedisce loro di commerciare con la nazione caraibica e di contribuire al suo sviluppo, che avviene, ad esempio, con le società francesi, ha avvertito.

 

Allo stesso modo, a Roma, l’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba (Anaic) ha espresso il suo sostegno alla carovana mondiale per chiedere la revoca del bloqueo statunitense contro Cuba, prevista per il prossimo fine settimana.

 

In un comunicato firmato dal suo presidente, Marco Papacci, Anaic indica che, attraverso i social, pubblicherà alcune iniziative legate all’evento convocato per il 27 e 28 di questo mese.

 

Da parte sua, domenica prossima, il Movimento Argentino di Solidarietà con Cuba, i residenti cubani a Buenos Aires e vari gruppi sociali si uniranno a una carovana globale contro il bloqueo degli Stati Uniti contro quella nazione caraibica.

 

Parlando con Prensa Latina, l’eminente giornalista e scrittore Carlos Aznarez, direttore di Resumen Latinoamericano, ha specificato che da questa nazione del sud alzeranno la voce per chiedere la fine dell’assedio statunitense.

 

Chiederemo la fine del bloqueo, soprattutto in questa situazione che sta vivendo il mondo, dove l’isola ha preso l’iniziativa a livello di internazionalismo solidale, attraverso la Brigada Medica Henry Reeve, ha concluso.

 

Ig/to 

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE