mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Washington saccheggia centinaia di camion cisterna siriani

Damasco, 23 mar (Prensa Latina) Un convoglio statunitense composto da 300 camion cisterne carichi di petrolio saccheggiato a Siria ha lasciato oggi il territorio siriano e si è diretto verso il nord dell'Iraq, secondo quanto riportato dai media.

 

La colonna è partita dai giacimenti petroliferi di Sweidieh nell’estremo nord-est della provincia di Hasakeh ed è entrata nel territorio iracheno attraverso il valico di confine illegale di Mahmoudieh, spesso utilizzato dalle truppe statunitensi, vicino ai passi di Silamka e Al-Walid, hanno riferito gli attivisti citati dall’agenzia SANA.

 

Il ministro siriano del petrolio Bassam Tomah ha denunciato in recenti dichiarazioni alla stampa che le forze statunitensi e la loro milizia separatista FDS occupano la maggior parte dei giacimenti petroliferi nella regione di Al-Jazira, nel nord-est del paese, togliendo ai siriani il 90% della ricchezza dei loro idrocarburi.

 

Washington ha anche rubato a Siria diversi convogli di camion di grano nelle ultime settimane nel tentativo di intensificare la sua guerra economica contro quella nazione.

 

Il governo di Damasco ha ripetutamente denunciato la presenza illegale di truppe statunitensi, che ha descritto come occupazione, e ha assicurato che le azioni di Washington in Siria incoraggiano l’attività terroristica e saccheggiano le ricchezze del popolo.

 

Ig/fm 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE