lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Accusano Bolsonaro di aver abbandonato Brasile e i suoi connazionali

Brasilia, 8 apr (Prensa Latina) Il Consiglio Nazionale della Sanità (CNS) ha accusato il presidente Jair Bolsonaro di aver abbandonato Brasile e di lasciare i compatrioti al loro destino di fronte alla COVID-19 che ha causato oltre 340.000 morti fino ad oggi.

 

Vigile e critico nei confronti delle disastrose prestazioni del governo federale dall’inizio della pandemia, il CNS ha pubblicato un manifesto sul suo sito ufficiale per condannare quello che ha classificato come “genocidio deliberato” nel paese.

Il manifesto ha anche messo in guardia sulla demolizione del Sistema Unificato di Salute (SUS) attraverso il cosiddetto tetto di spesa, che ha congelato per 20 anni gli investimenti nel settore e nell’istruzione.

“Brasile è stato abbandonato da coloro che hanno scelto di scommettere sull’adeguamento fiscale, per il mantenimento dell’emendamento costituzionale 95/2016, per la riduzione degli aiuti di emergenza e per la fine dei finanziamenti emergenti per affrontare la COVID-19 nel 2021”, ha sottolineato l’ente.

“Questo è un genocidio”, ha detto l’agenzia, che incolpa il governo per la maggior parte delle perdite di vite umane a causa del coronavirus SARS-CoV-2.

Secondo l’indagine EpiCovid, dell’Università Federale di Pelotas (Stato del Rio Grande do Sul), “avremmo potuto prevenire 225.000 morti fino a marzo se avessimo avuto azioni adeguate coordinate a livello nazionale, se il governo non fosse stato un negazionista, se avesse acquistato i vaccini al momento giusto”, ha lamentato il CNS.

Ha inoltre chiesto il vaccino gratuito per l’intera popolazione tramite SUS, un aiuto d’urgenza di 600 reais (60 $) per tutta la durata della pandemia, la revoca del tetto di spesa e finanziamenti adeguati.

Per il prestigioso neuroscienziato Miguel Nicolelis, nel paese manca uno statista che adotti misure per proteggere la popolazione, come il lockdown.

Ha assicurato che la nazione ha la mortalità di una guerra civile. “Non c’è potere esecutivo”, ha avvertito. “Il Congresso guarda dall’altra parte, approva l’acquisto di vaccini privati…. Allora chi è l’interlocutore per salvare Brasile da questa ecatombe?”, si è chiesto.

Fino ad oggi, Brasile ha registrato 340.776 morti e 13.193.205 infezioni da coronavirus SARS-CoV-2.

 

Ig/ocs 

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE