lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

L’invasione degli Stati Uniti a Cuba nel 1961 è classificata come un disastro

L'esperto statunitense di Relazioni Internazionali, Lawrence J. Haas, ha riconosciuto oggi che l'invasione degli Stati Uniti a Cuba, con lo sbarco alla Baia dei Porci (Playa Girón), è stata "un'avventura militare mal concepita e un disastro assoluto".

 

Nell’aprile del 1961, una brigata mercenaria composta in gran parte da ex militari del regime di Fulgencio Batista (1952-1959), sbarcò sulla costa meridionale di Cuba per rovesciare il governo della nascente Rivoluzione, guidata da Fidel Castro, ma è stata sconfitta in meno di 72 ore.

 

Nel suo articolo pubblicato questo lunedì sul quotidiano The Hill, Haas sottolinea che 60 anni fa, un nuovo presidente indeciso (John F.Kennedy, JFK) ha lanciato un’azione militare contro Cuba “con una sorprendente ingenuità, con una truppa di circa 1.400 emigrati addestrati e finanziati dagli Stati Uniti”.

 

L’obiettivo era quello di provocare “una rivolta populista che avrebbe rovesciato un rivoluzionario comunista sostenuto dai sovietici di nome Fidel Castro, ma è stato un disastro assoluto”, ha aggiunto.

 

Secondo Haas, membro dell’American Foreign Policy Council, “Castro ha annullato rapidamente le speranze di una rivolta e JFK ha subito un’imbarazzante golpe a livello mondiale solo dopo tre mesi di essere diventato presidente”.

 

Peggio ancora, il disastro avvenne poche settimane dopo che Kennedy ha lanciato la sua Alleanza per il Progresso, progettata per ripulire l’immagine di Washington nella regione, “ma la Baia dei Porci seppellì quelle speranze resuscitando lo spettro dell’imperialismo proveniente dal nord” in una regione che aveva già sofferto abbastanza per colpa degli statunitensi, ha detto.

 

Il fiasco ha avuto un lato positivo, tuttavia, poiché Kennedy “imparò a proprie spese a non fidarsi ciecamente dei consigli dei suoi capi militari decorati e dell’intelligence, la maggior parte dei quali gli assicurò che il successo nella Baia dei Porci era estremamente probabile”.

 

Questa sconfitta convinse JFK un anno dopo a respingere il consiglio dei suoi capi militari quando raccomandarono un’azione militare per porre fine ai missili nucleari sovietici sull’isola, durante la cosiddetta Crisi di Ottobre del 1962, “che avrebbe potuto essere accompagnata da un’invasione statunitense con la fine di rovesciare Fidel Castro”, ha affermato lo specialista.

 

Haas mette in parallelo l’attuale situazione della politica estera degli Stati Uniti, osservando che a tre mesi dall’inizio del suo mandato, il presidente Joe Biden non ha fatto passi falsi che ricordino lontanamente il fiasco della Baia dei Porci.

 

Tuttavia, il presidente democratico deve prendere sul serio le importanti lezioni apprese dai leader statunitensi sulle questioni globali che ora ci riguardano, consiglia l’accademico nel suo articolo.

 

Per concludere, Haas afferma che esperienze come queste devono ora essere prese in considerazione dal capo della Casa Bianca per affrontare con certezza le sfide che deve affrontare nelle relazioni con Cina e Russia, tra le altre sfide di politica estera.

 

Roberto Garcia Hernandez, giornalista di Prensa Latina 

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE