martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La pandemia ritarda la riforma della legge per le donne in Bolivia

La Paz, 15 apr (Prensa Latina) Il ministro della Giustizia boliviano, Iván Lima, ha detto oggi che la pandemia della COVID-19 ritarda l'avanzamento del progetto preliminare per modificare la legge 348 contro la violenza contro le donne.

Il ministro ha sottolineato che nonostante ciò, si sta lavorando in tavoli virtuali creati a questo scopo al fine di snellire il compito e presentare il progetto di legge all’Assemblea Legislativa Plurinazionale, come riportato dal sistema informativo RTP Bolivia.

 

Lima ha precisato che stanno lavorando con la guida del Ministero delle Pari Opportunità e sperano di avere un calendario definitivo nei prossimi giorni per presentare il documento alla Legislatura, a cui corrisponde l’approvazione.

 

Lo scopo della Legge 348 è quello di stabilire meccanismi, misure e politiche globali per la prevenzione, la cura, la protezione e il risarcimento delle donne in situazioni di violenza, nonché la persecuzione e la punizione degli aggressori al fine di garantire alle donne una vita dignitosa e un pieno esercizio dei loro diritti.

 

Questo regolamento è stato promulgato dall’ex presidente Evo Morales ed è in vigore dal 2013.

 

Quest’anno il governo del presidente Luis Arce ha promosso un ampio dibattito nazionale per riformulare l’attuale legislazione con l’obiettivo di ridurre i tassi di violenza dentro e fuori casa, situazione aggravata dalla pandemia della COVID-19.

 

Lo stato cerca di migliorare le condizioni di vita delle donne che ancora subiscono violenze domestiche, femminicidi, altri abusi e di sottoporre i colpevoli al rigore legale.

 

Ig/dla 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE