lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il bloqueo degli Stati Uniti ostacola la produzione di vaccini a Cuba

L’Avana, 7 mag (Prensa Latina) Il bloqueo statunitense contro Cuba ostacola lo sviluppo e la produzione dei vaccini contro la pandemia della COVID-19, ha denunciato oggi il Ministro delle Relazioni Internazionali, Bruno Rodríguez.

La persecuzione commerciale e finanziaria delle società cubane, delle controparti e dei terzi ritarda l’acquisizione delle forniture necessarie per affrontare la pandemia, ha assicurato il Ministro delle Relazioni Internazionali del Paese caraibico attraverso il suo account ufficiale di Twitter.

Recentemente, il Gruppo Imprenditoriale delle Industrie Biotecnologica e Farmaceutica di Cuba ha condannato su questa piattaforma gli effetti della politica di Washington, che impedisce l’ottenimento di risorse per garantire i farmaci del sistema sanitario nazionale.

L’associazione ha menzionato, tra gli altri ostacoli, l’aumento dei costi dei materiali essenziali per lo sviluppo dei candidati vaccinali.

“I fornitori regolari si sono rifiutati di inviare i prodotti per paura dell’impatto della politica brutale del bloqueo contro le loro aziende”, ha scritto.

L’industria è danneggiata ogni anno in termini di ricerca, produzione e commercializzazione dei suoi prodotti, così come è limitato lo scambio accademico e scientifico, sottolinea il documento.

Nonostante ciò, Cuba ha cinque candidati vaccinali contro la COVID-19, di cui due, Soberana 02 e Abdala, sono in fase III della sperimentazione clinica.

Se l’efficacia dei vaccini è provata e saranno approvati dall’ente regolatore, l’isola potrebbe ottenere i primi vaccini anti-COVID-19 concepiti e prodotti in America Latina.

Secondo scienziati e specialisti, entro la prima metà dell’anno il 70% della popolazione cubana sarà immunizzato contro il virus SARS-CoV-2, come parte di una strategia di vaccinazione per gruppi di popolazione.

Ig/cgc

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE