martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Confermata la persistenza delle lesioni nei pazienti convalescenti dalla COVID-19

L'Avana, 21 mag (Prensa Latina) Indagini a Cuba e a livello internazionale dimostrano una persistenza di lesioni nei pazienti convalescenti della COVID-19, sia nei pazienti asintomatici che in quelli che hanno presentato forme gravi della malattia, assicurano oggi gli specialisti.

 

Nelle segnalazioni di diversi paesi si riscontrano sequele nei pazienti, la cui gravità dipende dal grado raggiunto della malattia, sebbene siano evidenziate anche in pazienti asintomatici o che hanno avuto manifestazioni cliniche lievi, ha spiegato il Dott.Emilio Buchaca a Cubadebate, specialista in medicina interna e vicedirettore dell’ospedale Hermanos Ameijeiras, a L’Avana.

 

Ha fatto riferimento a sintomi persistenti nel sistema respiratorio superiore come tosse (abbastanza frequente) e diminuzione della capacità respiratoria (dispnea), anche solo dopo piccoli sforzi, nelle prime settimane.

 

Da parte sua, il dottor Narciso Jiménez, specialista in medicina interna, intensiva e di emergenza, e infettivologo presso l’Istituto di Medicina Tropicale Pedro Kourí (IPK) ha indicato che un progetto è stato sviluppato presso quel centro di ricerca per misurare l’impatto dell’infezione in coloro che sono stati ricoverati presso l’istituto.

 

Da luglio del 2020, hanno iniziato a effettuare consultazioni di follow-up con questi pazienti, con monitoraggio dopo otto settimane, poi a sei mesi e fino a 12 mesi.

 

In questo modo, hanno verificato che il 42% di questi pazienti ha sviluppato una sindrome dopo essersi ammalato e il 30% di quelli asintomatici presenta sintomi alcune settimane dopo la diagnosi.

 

Per mezzo della tomografia assiale computerizzata è stato scoperto che il 94,4% di questi pazienti convalescenti presenta qualche tipo di danno polmonare, ha aggiunto Jiménez.

 

Ha sottolineato di essere molto preoccupato per le sequele del sistema nervoso, perché sono le più frequenti.

 

Dal punto di vista immunologico, i risultati sono stati molto sorprendenti, poiché solo il 33,3% dei pazienti asintomatici aveva anticorpi totali contro questo virus, rispetto al 92,6% di coloro che avevano presentato i sintomi.

 

La conclusione è stata che più il paziente è sintomatico, maggiore è il numero di anticorpi che avrà contro il virus, mentre l’asintomatico non è  molto protetto, ha detto lo specialista.

 

Come ha chiarito, l’immunità non sono solo anticorpi, poiché ci può anche essere una risposta cellulare, in modo che se l’individuo viene a contatto con il virus, gli consente di produrre gli anticorpi necessari con queste cellule.

 

“Questo spiegherebbe perché nessuno dei nostri convalescenti è stato reinfettato”, ha detto.

 

Ognuno di loro viene sottoposto a PCR nelle visite di follow-up per avere evidenza che non si tratta di una reinfezione e tutti i sintomi presentati sono attribuibili a un’infezione post-COVID19.

 

Ig/rbp

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE