martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il Senato colombiano nega la censura al ministro della Difesa

Bogotà, 27 mag (Prensa Latina) La plenaria del Senato colombiano, a maggioranza ufficiale, ha rifiutato oggi la mozione di censura contro il ministro della Difesa, Diego Molano, presentata dal gruppo di opposizione responsabile della repressione poliziesca contro mobilitazioni pacifiche.

Nonostante le argomentazioni presentate da testimoni e vittime delle violenze da parte delle forze di sicurezza, il risultato della votazione è stato di 31 voti a favore della censura, contro 69 voti che l’hanno rifiutata.

 

“In un atto di complicità con l’impunità per crimini contro l’umanità, il Senato ha negato una mozione di censura contro il ministro Molano (…) il governo di Iván Duque e dei suoi ministri passeranno alla storia come frustrati becchini della pace e della debole democrazia colombiana”, ha detto Iván Cepeda, senatore del Polo Democratico, riferendosi al voto.

 

Lunedì e martedì le due Camere del Congresso hanno discusso una mozione di censura contro Molano, che i cittadini e l’opposizione politica considerano responsabile per i crimini e le violazioni dei diritti umani nel contesto dello sciopero.

 

Organizzazioni non governative come l’ONG Temblores riferiscono di 60 omicidi dall’inizio dello sciopero nazionale contro il governo Duque del 28 aprile, 43 dei quali presumibilmente per mano della forza pubblica.

Allo stesso modo, 46 hanno riportato lesioni agli occhi, 22 sono state vittime di violenza sessuale e due membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi.

 

Le manifestazioni popolari esigono, tra le altre richieste, lo smantellamento della Squadra Mobile Antisommossa, la cessazione della militarizzazione e le dimissioni del ministro della Difesa del Paese, Diego Molano.

 

Ig/otf 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE