lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Progetto contro il bloqueo contro Cuba presentato al Congresso degli Stati Uniti

Il rappresentante democratico degli Stati Uniti, Bobby L. Rush, ha introdotto il disegno di legge HR-3625, che vorrebbe eliminare il bloqueo economico, commerciale e finanziario, così come altre sanzioni che il governo degli Stati Uniti mantiene contro Cuba in questo momento.

La proposta di Rush fa riferimento ai comitati Mezzi e Tasse, Energia e Commercio, Giudiziario, Agricoltura e Servizi Finanziari, afferma il sito web della Camera dei Ministri.

Per scopi simili, diversi senatori statunitensi hanno recentemente presentato un’iniziativa appoggiata dai due partiti al Congresso, per revocare le sanzioni unilaterali che Washington ha imposto all’isola caraibica da quasi sei decenni.

I democratici Amy Klobuchar e Patrick Leahy, così come il repubblicano Jerry Moran, hanno introdotto la legge sulla libertà di esportare a Cuba, che secondo loro vuole aprire la strada a nuove opportunità economiche per le aziende e gli agricoltori statunitensi.

Inoltre, è progettato per consentire ai cubani un maggiore accesso ai prodotti statunitensi.

Se fosse approvata, questa legislazione abrogherebbe le precedenti disposizioni chiave che impediscono agli statunitensi di fare affari con Cuba, ma non rimuove le sezioni dei testi legali che trattano alcuni aspetti dei diritti umani o delle rivendicazioni di proprietà contro il governo dell’isola.

“Questo disegno di legge metterebbe fine a una politica sbagliata e fallita di sanzioni unilaterali che ferisce il popolo cubano e froda le aziende e i lavoratori statunitensi”, ha detto Leahy in una dichiarazione pubblicata sul suo sito web.

Tra le altre disposizioni, questo progetto di legge sulla libertà di esportazione a Cuba abrogherebbe le attuali restrizioni legali per fare affari con la nazione caraibica, così come altri statuti che vietano le transazioni tra società possedute o controllate dagli Stati Uniti e da Cuba.

Cuba presenterà la risoluzione che propone ogni anno all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (AGNU) il 23 giugno per chiedere la fine del bloqueo, che è stata rinviata nel 2020 a causa della pandemia.
Dal 24 novembre 1992, l’AGNU si è pronunciata ogni anno contro la misura coercitiva, che si traduce in un voto quasi unanime a favore dell’eliminazione della restrizione.

Nel dibattito più recente di una mozione delle Nazioni Unite contro questa misura punitiva nel novembre del 2019, il testo ha ottenuto il sostegno di 187 dei 192 paesi membri.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, il segretario di Stato, Antony Blinken, e altri membri dell’amministrazione hanno ribadito che Cuba non è una questione prioritaria per il loro governo e, dopo quasi cinque mesi al potere, le 243 misure punitive realizzate da Trump per potenziare il bloqueo rimangono intatte.

Roberto Garcia Hernandez, giornalista di Prensa Latina

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE