martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Chiedono di indagare la fornitura di armi da parte di Ecuador al governo golpista boliviano

La Paz, 11 giu (Prensa Latina) L'ambasciatore boliviano presso le Nazioni Unite Diego Pary, ha chiesto oggi un'indagine internazionale sulla fornitura di armi dall'Ecuador al governo de facto della Bolivia, presieduto da Jeanine Áñez.

 “(…) È deplorevole che siano stati forniti strumenti per reprimere il popolo boliviano. Gli accordi vengono presi attraverso la cancelleria, ma abbiamo visto che durante il golpe hanno praticamente ignorato la Costituzione, hanno ignorato le leggi”, ha detto il diplomatico.

 

Il giorno prima, il ministro del governo, Eduardo del Castillo, ha annunciato un’indagine sul caso basata su informazioni non ufficiali sulla consegna di gas lacrimogeni e munizioni da guerra da parte del governo dell’allora presidente dell’Ecuador, Lenín Moreno, alle autorità de facto della Bolivia.

 

In quella gestione, indicano informazioni al riguardo, ebbe un ruolo decisivo l’allora capo del governo boliviano, Arturo Murillo (detenuto negli Stati Uniti), che premette perché la gestione si concretasse nei momenti di repressione contro i seguaci del deposto il presidente Evo Morales.

 

Pary ha definito vergognosa la collaborazione di Moreno con l’amministrazione golpista di Áñez e si è rammaricato che abbia utilizzato le istituzioni statali a proprio vantaggio, violando le procedure stabilite nella Costituzione del paese.

 

La Procura deve svolgere le indagini, perché l’incidente coinvolge un altro paese, ha detto l’ex ministro degli Esteri.

 

Questa, ha detto, è una grave violazione, “questo comporta un’indagine seria che richiede anche la partecipazione di organizzazioni internazionali”, ha concluso.

 

Ig/avs 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE