martedì 23 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Prensa Latina e la Verità… peccato o delitto

Come 62 anni fa, Prensa Latina contrasta oggi sfide simili a quelle affrontate dai suoi fondatori: difendere la Rivoluzione cubana e i popoli latinoamericani e rompere i monopoli delle notizie con l'arma più temibile, la verità.

 

Nata nel fervore del trionfo rivoluzionario a Cuba nel 1959, l’Agenzia di Informazione Latinoamericana Prensa Latina ha raccolto queste sfide e il suo primo Direttore Generale, l’argentino Jorge Ricardo Masetti, ha invitato i suoi professionisti ad essere “oggettivi ma non imparziali”, perché nessuno che è decoroso – ha detto – può essere imparziale tra il bene e il male, tra la guerra e la pace.

 

Davanti ai delegati al Secondo Incontro Internazionale dei Giornalisti, tenutosi a Baden, in Austria, alla fine del 1960, sostenne che dire la verità era il più grande “peccato e crimine” di Prensa Latina, secondo Washington, i maggiori media statunitensi e organizzazioni come la Società Interamericana di Stampa.

 

L’agenzia fa tesoro di quella testimonianza: “Quando sono stato un corrispondente di guerra (1959, nella Sierra Maestra), ho visto combattenti lottare sulle montagne di Cuba, quasi senza armi, e invece ho visto il massacro di contadini cubani fatto con le mitragliatrici statunitensi. Ho visto studenti cubani cadere nelle città abbattuti dalle mitragliatrici statunitensi”.

 

Noi, corrispondenti di guerra in prima linea nella lotta a Cuba, abbiamo preparato i nostri reportage per far conoscere al lettore un popolo che voleva liberarsi, mitragliato dalle bombe e dalle granate della più grande potenza imperialista della terra, ha sottolineato Masetti, spiegando che, in seguito, il suo giornale si rifiutò di pubblicare quegli articoli. Raccontò che, quando la rivoluzione trionfò, “di nuovo, le agenzie statunitensi che avevano messo a tacere la verità sulla tirannia di Fulgencio Batista, che mai e poi mai avevano ammesso che i contadini cubani, che il popolo di Cuba era stato massacrato dalle mitragliatrici, dalle bombe statunitensi, quelle stesse agenzie stavano mentendo di nuovo”.

 

Durante la guerra, hanno combattuto il popolo cubano, con mitragliatrici e bombe, quando la guerra è finita hanno combattuto e combattono la Rivoluzione Cubana con notizie false, ha sottolineato Masetti spiegando la realizzazione, l’anno precedente, dell’Operazione Verità, che ha riunito 400 giornalisti affinché conoscessero  personalmente la realtà cubana.

 

Masetti ha spiegato che un gruppo di giornalisti cubani e latinoamericani ha percepito la necessità di creare una propria agenzia di stampa e “rompere quel monopolio dell’opinione pubblica che avevano le agenzie statunitensi”.

 

Dovevamo sapere cosa succedeva oltre confine, diceva, e dovevamo anche far sapere cosa succedeva a Cuba, nei paesi dell’America Latina, i cui popoli sono in una lotta permanente, ed è così che abbiamo creato Prensa Latina.

 

Masetti ha spiegato che, prima di creare l’agenzia, le calunnie sono partite direttamente dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti: “siamo stati attaccati in tutti i modi, anche essendo una piccola agenzia, e nonostante apportiamo molto poco ai popoli dell’America Latina”.

 

Essendo il nostro compito ridotto, ciò che è stato fatto contro di noi è stato enorme, a causa di tutto il potere della propaganda statunitense, ha sottolineato.

 

In quello storico discorso, Masetti rifletteva che, “proprio come abbiamo fatto la Rivoluzione nella nostra gente, noi giornalisti rivoluzionari dell’America Latina volevamo rivoluzionare l’ambiente giornalistico latinoamericano, rivoluzionarlo in un modo molto semplice, molto chiaro, nient’altro che con la verità”.

 

Sessant’anni dopo, Cuba, e anche Prensa Latina, continuano ad essere oggetto di analoghe pressioni e minacce da parte degli Stati Uniti e di grandi campagne che cercano di nascondere la verità.

 

Jorge Luna, giornalista di Prensa Latina 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE