lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba e la poca voglia di Biden

Il governo degli Stati Uniti ha poca voglia di invertire la politica del presidente Donald Trump nei confronti di Cuba, secondo le valutazioni dei media prima del dibattito sulla questione oggi alle Nazioni Unite.

Il Dipartimento di Stato ha incluso l’isola a maggio tra i paesi che non cooperano pienamente con i presunti sforzi contro il terrorismo degli Stati Uniti, rinnovando una determinazione che è stata presa per la prima volta nel 2020.

In una valutazione sull’argomento, il quotidiano The Hill ha poi sottolineato che il primo importante provvedimento dell’amministrazione Joe Biden nei confronti di Cuba è il segnale più forte finora che ha poca voglia di ribaltare le politiche dell’era Trump.

“È una determinazione politica e un segnale che stanno cercando di dare alla destra che continuerà con lo status quo”, ha detto Fulton Armstrong, professore all’Università Americana e direttore degli affari interamericani al Consiglio Nazionale di Sicurezza durante l’amministrazione di Bill Clinton.

La decisione è stata presa ai sensi della Legge sul controllo delle esportazioni delle armi, che richiede un rapporto ogni maggio che elenchi i paesi a cui è vietato esportare e vendere prodotti per la difesa agli Stati Uniti.

Sebbene la squadra di Biden si sia impegnata a rivedere l’elenco di Trump degli sponsor statali del terrorismo, il segretario stampa della Casa Bianca, Jen Psaki, ha dichiarato ai giornalisti a marzo che “un cambiamento di politica verso Cuba non è attualmente tra le priorità principali”.

“È difficile avere una cooperazione nella lotta al terrorismo o qualsiasi altra cosa se non ci si parla”, ha detto a The Hill il rappresentante democratico per Massachusetts, Jim McGovern, un sostenitore di lunga data della normalizzazione dei legami con L’Avana.

“Ed è difficile raggiungere la cooperazione quando gli Stati Uniti non vogliono nessuna riunione con Cuba”, ha aggiunto.

La decisione è l’ultima mossa di un’amministrazione che cerca pubblicamente di prendere le distanze dall’amministrazione Barack Obama – non dal suo predecessore – quando si tratta di Cuba.

“Joe Biden non è Barack Obama nella politica con Cuba”, ha detto alla CNN ad aprile Juan González, direttore senior per l’emisfero occidentale presso il Consiglio di Sicurezza Nazionale.

Geoff Thale, presidente dell’Ufficio di Washington per l’America Latina, è uno di quelli che non credono che questa sia la strategia intelligente, anche se alcuni vedono l’approccio di Biden come parte di un piano più ampio per assumere una posizione dura con altri paesi comunisti.

A questo proposito, McGovern ha detto: “Scelgo di vedere questo come qualcosa di non così importante”, “capisco che l’amministrazione sta rivedendo quale dovrebbe essere la nostra politica nei confronti di Cuba. E la mia speranza è che, se fatto in modo obiettivo e razionale, si concluderà che dobbiamo impegnarci nuovamente”.

La questione Cuba-Stati Uniti è stata analizzata anche da William LeoGrande e Peter Kornbluh nel loro libro “Back Channel to Cuba: The Hidden History of the Negotiations between Washington and Havana”.

La storia dei negoziati tra i due paesi dimostra che i leader cubani si oppongono risolutamente alle precondizioni per negoziare migliori relazioni e rifiutano le richieste di concessioni riguardanti i loro affari interni o la politica estera, sostengono gli autori.

Jimmy Carter, Ronald Reagan e altri leader si sono sempre scontrati con la posizione delle autorità cubane oltre a non accettare “le prerogative universali degli Stati Uniti” di dettare il modo in cui i paesi più piccoli conducano la loro politica estera.

Barack Obama, secondo gli autori del libro, ha compreso le lezioni di questa storia e nonostante le ripetute falsità di Trump

sull’accordo unilaterale di Obama con Cuba, durante la sua breve durata, la politica di impegno positivo ha ottenuto risultati notevoli, hanno sostenuto.

L’apertura di Obama ha permesso a centinaia di migliaia di cittadini statunitensi di esercitare il loro diritto costituzionale di recarsi sull’isola e vedere di persona la realtà di Cuba, inclusa Jill Biden, che ha trascorso quattro giorni lì nell’ottobre 2016, secondo un comunicato stampa della Casa Bianca.

Il pieno ristabilimento delle relazioni diplomatiche, e il tono civile della diplomazia che lo ha accompagnato, ha prodotto 22 accordi bilaterali su questioni di reciproco interesse, creando un quadro per una collaborazione continua nella lotta contro il traffico di droga, il terrorismo, la salvaguardia dell’ambiente, la gestione delle catastrofi e immigrazione.

Luis Beaton, giornalista di Prensa Latina

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE