giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba esige che lascino vivere in pace alla votazione delle Nazioni Unite

Nazioni Unite, 23 giu (Prensa Latina) La esigenza di Cuba è che la lascino vivere in pace e senza bloqueo, che cessino la persecuzione dei suoi legami commerciali e finanziari con il mondo, ha detto oggi il ministro delle Relazioni Internazionali dell'isola, Bruno Rodríguez.

Intervenendo all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite durante la presentazione della bozza di risoluzione che chiede la fine di questo assedio, ha sottolineato che questa politica ha finito per screditare e isolare gli stessi Stati Uniti.

Ha anche chiesto la fine della manipolazione, della discriminazione e degli ostacoli ai legami dei cubani che vivono nella nazione del nord con i loro parenti a Cuba e con la loro patria.

“Riconosciamo gli sforzi di coloro che, in questo momento difficile, hanno perseverato nella comunicazione e nel sostenere le loro famiglie sull’isola di fronte all’odio e alla persecuzione politica”.

Molti sostengono pragmaticamente, anche all’interno del governo degli Stati Uniti, che il bloqueo dovrebbe finire perché è una politica anacronistica e inefficace, che non ha e non raggiungerà il suo obiettivo, ha affermato Rodríguez.

Gli Stati rappresentati nell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sono vittime dell’impatto extraterritoriale del bloqueo, che danneggia la loro sovranità, viola le loro leggi nazionali, li sottopone alle decisioni dei tribunali di giustizia statunitensi e danneggia gli interessi delle aziende che desiderano interagire con entrambi i paesi.

Tutto ciò viola il Diritto Internazionale e, inoltre, ha sottolineato il Cancelliere, non è legale o etico che il governo di una potenza sottoponga per decenni una piccola nazione ad una incessante guerra economica per imporle un sistema politico estraneo e un governo progettato per lei.

“È inaccettabile privare un intero popolo del diritto alla pace, allo sviluppo, al benessere e al progresso umano”.

Allo stesso modo, il ministro delle Relazioni Internazionali cubano ha affermato che non è lecito che Washington ignori per 28 anni le successive risoluzioni di questa Assemblea Generale delle Nazioni Unite, democratica e rappresentativa.

Come il virus che causa la COVID-19, ha detto Rodríguez, il bloqueo soffoca e uccide, e deve cessare.

Questo mercoledì, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato, con il sostegno di 184 dei suoi Stati membri, una nuova risoluzione che chiede la fine del bloqueo economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti contro Cuba.

Colombia, Ucraina e Brasile si sono astenuti e hanno votato contro la revoca dell’assedio Stati Uniti e Israele, rimasti isolati davanti alla rivendicazione della maggioranza della comunità internazionale.

Per la ventinovesima volta dal 1992, i paesi del mondo hanno chiesto categoricamente al principale organo deliberativo delle Nazioni Unite la revoca del bloqueo imposto da Washington 62 anni fa.

Ig/ifb

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE