martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

I terroristi preparano attacchi chimici in Siria

Damasco, 23 giu (Prensa Latina) Le autorità siriane hanno denunciato oggi che gruppi terroristici finanziati dagli Stati Uniti e da altri governi occidentali persistono nei loro tentativi di organizzare attacchi con armi chimiche per accusare l'esercito.

Gruppi radicali e membri dei cosiddetti “Caschi Bianchi” mantengono i preparativi per compiere azioni criminali con l’uso di armi chimiche in alcune zone delle province di Idlib e Hama, e l’obiettivo è quello di accusare Damasco, ha annunciato il ministero degli Esteri attraverso un comunicato stampa.

Ha rivelato che il gruppo ex Fronte al-Nousra, iscritto nella lista del terrorismo internazionale, ha spostato autocisterne cariche di cloro grezzo dal confine con Turchia alla città di Atma nella provincia settentrionale siriana di Idlib, dove viene processato in laboratorio e trasformato in gas.

Questa sostanza tossica viene messa in proiettili e poi sparata contro le aree residenziali nelle zone rurali di Idlib, osserva la nota.

Ha denunciato che queste azioni sono gestite e sostenute da Washington, da alcuni governi occidentali e dai servizi di intelligenza turchi che non offrono solo consulenza ma anche copertura mediatica e politica.

Esortiamo l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) a non ignorare questi dati e a non lasciarsi manipolare da Washington e dai suoi alleati, ha sottolineato la dichiarazione.

Il ministero degli esteri ha ribadito che tali atti criminali non impediranno all’esercito siriano di proseguire la sua lotta al terrorismo fino alla sua definitiva eradicazione e al ripristino della stabilità su tutto il territorio nazionale.

Siria ha ripetutamente respinto i rapporti dell’OPCW che accusavano Damasco di usare tali armi e hanno affermato che i terroristi organizzano attacchi per accusare lo stato. Ha denunciato che questa Organizzazione è diventata uno strumento per attuare piani aggressivi degli Stati Uniti e dei suoi alleati e uno scenario per regolare i conti politici con Siria.

 Ig/fm 

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE