mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

CIGB, 35 anni di storia scritti con innovazione scientifica

CIGB, 35 anni di storia scritti con innovazione scientifica

CIGB, 35 anni di storia scritti con innovazione scientificaLa caratteristica fondamentale del CIGB, che oggi compie 35 anni, risiede nella novità dei suoi prodotti, ha detto in esclusiva a Prensa Latina, Gerardo Guillén, direttore della ricerca biomedica.

Fondato il 1° luglio 1986 da Fidel Castro, leader storico della Rivoluzione cubana, il Centro di Ingegneria Genetica e Biotecnologia (CIGB) si occupa di due dei cinque candidati vaccinali dell’isola contro la COVID-19: Mambisa e Abdala.

Quest’ultimo ha già dimostrato un’efficacia del 92,28% nella sua sperimentazione clinica di fase III dopo la somministrazione delle sue tre dosi.

CIGB lavora su vari temi e piattaforme tecnologiche, tra cui proteine ricombinanti, sintesi chimica e peptidi sintetici.

“Stiamo anche lavorando su diversi host per la stampa di proteine, come lievito, cellule di mammifero e batteri. Allo stesso modo, lavoriamo su altre piattaforme diagnostiche, vaccini e soluzioni terapeutiche “, ha spiegato lo scienziato.

Tra i suoi prodotti c’è Heberferon, costituito da una miscela di interferoni alfa e gamma, contenuti in un’unica fiala con proprietà sinergiche basate sulla sua attività anti-proliferativa.

Con l’arrivo della COVID-19, questa sostanza iniettabile ha ricevuto, nel maggio del 2020, un’autorizzazione per la sua introduzione nei protocolli di trattamento contro la malattia a Cuba.

Recentemente, il Centro ha incorporato in questo piano la formulazione di IFN-alfa-2b-umano ricombinante per la somministrazione attraverso gocce nasali —Nasalferon—, che ottiene protezione contro il coronavirus SARS-CoV-2.

Allo stesso modo, i progetti presso il Centro di Ingegneria Genetica e Biotecnologia includevano CIGB 814, un peptide sintetico alterato derivato dalla proteina 60 umana dopo uno shock termico (HSP60).

Questo prodotto è stato implicato nella patogenesi dell’artrite reumatoide.

Jusvinza o CIGB-258, sempre dell’istituto, è diventata un’altra alternativa terapeutica per controllare l’iper-infiammazione, regolare la risposta immunitaria e ridurre il rischio di mortalità nei pazienti con la COVID-19.

Un altro farmaco prodotto dal centro è Heberbiovac HB, una proteina ottenuta attraverso procedure di ricombinazione del DNA.

All’ampio elenco di innovazioni del CIGB si aggiunge il Quimi-Hib, un vaccino coniugato contro l’Haemophilus influenzae di tipo b.

“Tutti questi progetti sono supportati da brevetti e sono il risultato del lavoro di oltre 350 ricercatori appartenenti al nostro centro, il 90% dei quali con dottorato di ricerca o laurea magistrale”, ha sottolineato Guillén.

Questi risultati e molti altri, supportano la classificazione nel 2021 del CIGB come azienda ad alta tecnologia di Cuba.

Claudia Dupeiron Garcia, giornalista di Prensa Latina 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE