giovedì 18 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Puentes de Amor annuncia un appello in tweet per la fine del bloqueo USA contro Cuba

Washington, 5 lug (Prensa Latina) Il progetto Puentes de Amor, che continua il suo cammino da Miami verso la capitale degli Stati Uniti, ha fatto un appello oggi per un tweet mondiale domani, che esiga la revoca delle sanzioni di Washington contro la famiglia cubana.

 

Il principale promotore dell’iniziativa, il professore cubano-americano Carlos Lazo, ha dichiarato a Prensa Latina che martedì pubblicherà su Twitter un video in inglese indirizzato al presidente Joe Biden per spiegare il motivo della camminata: esigere la fine di queste misure coercitive.

 

“A partire dalle 9:00, ora di Cuba, Miami e Washington, e fino alle 12:00, ti invitiamo a condividere il video o a creare tweet con etichette per Biden, la vicepresidentessa Kamala Harris, la first lady Jill Biden e il segretario di Stato, Antony Blinken”, hanno sottolineato.

 

Verranno utilizzate anche etichette come #UnblockCuba, che esige la revoca del bloqueo del governo degli Stati Uniti contro la maggiore delle Antille, ha aggiunto l’attivista.

 

Nel video diremo a Biden che stiamo camminando da Miami a Washington esigendo la revoca delle sanzioni contro la famiglia cubana, il ripristino delle rimesse e il programma di ricongiungimento familiare e la riapertura dell’ambasciata di Washington a L’Avana.

 

Inoltre, ha ricordato, il progetto Puentes de Amor sostiene che vengano ripresi i voli dagli Stati Uniti verso tutte le province cubane e che gli statunitensi possano viaggiare liberamente sull’isola.

 

Quella petizione, disponibile su www.puentesdeamor.com e con più di 25.500 firme, dopo essere arrivati alla Casa Bianca sarà consegnata a Biden alla fine del cammino di quasi 2.000 chilometri, ha sottolineato.

 

Lazo ha espresso che si sentono felici e ottimisti, con uno spirito molto elevato, “sicuri che questo cammino e questa chiamata d’amore tra i nostri popoli porterà grandi cose”.

 

Ig/ifb

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE