lunedì 15 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cinquanta agenti indagati per scandalo politico in Perù

Lima, 9 lug (Prensa Latina) La ministra della Difesa, Nuria Esparch, ha riferito che 50 ufficiali della Marina sono indagati a seguito di telefonate illegali effettuate dall'ex consigliere presidenziale, Vladimiro Montesinos, dal carcere che lo ospita.

Ha spiegato che le indagini sono state estese a tutti gli ufficiali che hanno lavorato negli ultimi 13 mesi presso la base navale di Callao, dove si trova il carcere di massima sicurezza, dove stanno scontando condanne anche comandanti di gruppi armati.

Montesinos ha utilizzato il telefono del carcere, di uso limitato e sotto controllo, per coordinare una tangente a tre giudici elettorali al fine di ribaltare il risultato del voto presidenziale del 6 giugno, vinto dal candidato di sinistra, Pedro Castillo, e far vincere la sconfitta Keiko Fujimori.

Esparch ha indicato che un’indagine preliminare ha verificato la violazione del protocollo per il controllo delle chiamate di Montesinos, a cui è stato permesso di parlare al telefono fino a tre ore, due volte a settimana.

Dopo aver rivelato le registrazioni audio in cui Montesinos ha coordinato il piano di corruzione, la Marina ha confermato di aver effettuato due volte chiamate inappropriate, per le quali due ufficiali sono stati licenziati, ma la stampa ha rivelato che, in realtà, ci sono state 17 chiamate in meno di una settimana.

Apparentemente, la bustarella non è stata efficace, poiché la Giuria delle Elezioni Nazionali (JNE) non ha favorito Fujimori, che sta sfidando la più alta corte elettorale e esige una verifica internazionale del voto, e anche qui senza successo, perché gli osservatori stranieri hanno dichiarato l’elezione normale e regolare.

Ig/mrs

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE