giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Biden dimentica il bloqueo degli Stati Uniti quando parla di Cuba

Il presidente Joe Biden ha dimenticato oggi che il bloqueo degli Stati Uniti è la causa principale delle sofferenze economiche subite dal popolo cubano da decenni.

È deplorevole un simile lapsus del presidente, che quando era candidato alla presidenza per il Partito Democratico aveva promesso di cambiare la politica nei confronti di Cuba.

Una dichiarazione sugli incidenti avvenuti domenica mattina, spinti dall’estero e attraverso i social network, ha coniato alcuni termini utilizzati nelle campagne contro l’isola nel tentativo di screditare il suo governo, scoraggiare la popolazione e creare il caos.

Biden ha affermato che “il sollievo dalle tragiche grinfie della pandemia” è necessario, ma ha evitato un elemento essenziale: è urgente che il suo governo tolga l’assedio economico, finanziario e commerciale in modo che Cuba possa accedere ai mercati e ottenere risorse.

Incolpa la situazione attuale del “regime autoritario di Cuba”, ma dimentica ancora una volta che il progetto sociale in costruzione nella maggiore delle Antille è stato sostenuto da oltre l’86% della sua popolazione in un referendum, che dimostra la libera elezione del suo futuro.

L’inquilino dell’ufficio ovale chiede che i bisogni delle persone siano soddisfatti in “questo momento vitale”, e che cos’è se non sviluppare i propri vaccini per immunizzare l’intera popolazione di fronte alla realtà che a causa del bloqueo, renderebbe impossibile il loro acquisto nel mercato internazionale?

E aggirare le insidie della persecuzione finanziaria e commerciale per cercare di garantire che la maggioranza non sia lasciata senza protezione e lasciata a se stessa non è forse preoccuparsi del popolo?

Come ha espresso l’attivista statunitense Medea Benjamin, il bloqueo è la causa fondamentale delle carenze che colpiscono il popolo cubano.

Quando la COVID-19 provoca un grido mondiale di solidarietà e cooperazione, il governo del mio paese mantiene una politica che cerca di strangolare l’economia cubana, ha avvertito Benjamin, cofondatrice dell’organizzazione pacifista Code Pink, in dichiarazioni tramite l’Internet a Prensa Latina.

Per lei è criminale che il presidente Biden mantenga le crudeli sanzioni contro Cuba quando, con un tratto di penna, potrebbe revocare tutte le misure coercitive imposte da Donald Trump (2017-2021).

Tuttavia, ha aggiunto, sta applicando rozzi calcoli politici che hanno a che fare con la sua agenda interna, rispetto al benessere di 11 milioni di cubani.

A quasi sei mesi dal suo arrivo alla Casa Bianca, il leader democratico continua a non dimostrare segni del promesso cambio di politica nei confronti di Cuba e, al contrario, mantiene in vigore le 243 misure coercitive imposte da Trump, che ha portato all’estremo il bloqueo.

Ha anche ratificato in un nuovo rapporto pubblicato a maggio la decisione fraudolenta di Trump di includere Cuba in un elenco di paesi che non cooperano nella lotta al terrorismo e ha citato Cuba in un altro sulla tratta degli esseri umani.

E non sono mancate – indicano – minacce specifiche e raccomandazioni fuorvianti fatte a tutte le nazioni che hanno accordi di cooperazione con Cuba.

Inoltre, il 25 giugno, rilasciarono il famigerato terrorista Eduardo Arocena, l’assassino a sangue freddo nelle strade di New York del diplomatico cubano Félix García l’11 settembre 1980.

A proposito, tra i suoi atti criminali contro Cuba c’è la provocazione dell’epidemia della dengue emorragica scoppiata alla fine del maggio del 1981, che colpì più di 344.200 persone, causando la morte di 158, di cui 101 bambini.

Deisy Francis Mexidor, giornalista di Prensa Latina 

 

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE