mercoledì 17 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Quattro pianisti cubani presentano l’album Tumbao a Madrid

Madrid, 15 lug (Prensa Latina) Son de la loma, di Miguel Matamoros, per chiudere, a otto mani e con il suono del latin jazz dall'accento cubano, la serata estiva della presentazione dell'album Tumbao a Madrid.

 

In realtà, sono stati due concerti di seguito alla Casa de América in questa capitale con Iván Melón Lewis, Luis Guerra, Pepe Rivero e Javier Massó (Caramelo), sotto la produzione di Javier Monteverde, che ha promosso l’idea di fare un disco per la sua etichetta Cézanne.

Volevo catturare il loro meraviglioso momento a livello artistico e quando li ho convocati insieme ho chiesto loro di comporre e registrare tre pezzi ciascuno, senza ascoltare nulla degli altri musici, ha spiegato Monteverde a Prensa Latina.

Ha confessato che alla fine è diventato un album molto rischioso per Cezanne Producciones, “perché la pandemia ne ha rallentato lo sviluppo ed è stato praticamente paralizzato per un anno, fino ad ora che lo abbiamo ripreso”.

Pepe Rivero, nato nella città orientale di Manzanillo, ha evidenziato che il suo approccio alla musica è stata l’amicizia della sua famiglia con un musicista che era un membro dell’orchestra popolare Original de Manzanillo.

Lecuona, Cervantes, Matamoros, Rafael Hernández, tra gli altri, sono stati autori onorati nei recital dei quattro pianisti cubani, con versioni libere, all’insegna del jazz e del son.

Luis Guerra, della città centrale di Santa Clara, che in precedenza ha vissuto 10 anni a Toronto, in Canada, dove ha ricevuto lezioni dal famoso jazzista americano Barry Harris, ha elogiato la chimica con il resto degli interpreti.

Un assiduo frequentatore dei festival Jazz Plaza de L’Avana, Melón Lewis ha ricordato i consigli che Chucho Valdés gli ha dato quando era uno studente e anche quando era già formato come musicista e le sue esperienze suonando con Isaac Delgado.

 

Ig/ft

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE