domenica 14 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Aumenta il numero di palestinesi in sciopero della fame nelle carceri israeliane

Ramala, 23 lug (Prensa Latina) Il numero dei palestinesi in sciopero della fame nelle carceri israeliane è aumentato oggi a 13 nell'ambito delle proteste per denunciare la politica di detenzione amministrativa, grazie alla quale sono imprigionati senza processo né accuse.

Il gruppo dei prigionieri palestinesi ha identificato gli scioperanti come Salem Zaidat, Muhammad Omar, Mujahid Hamid, Mahmoud al Fasfous, Kayed al Fasfous, Raafat al Darawish, Guevara al Namoura, Maher Dalaysha, Alaa al Din Khalid Ali e Ahmed Abd al Rahman Abu Sal.

Citata dall’agenzia di stampa ufficiale WAFA, l’agenzia ha annunciato che altri quattro hanno sospeso la protesta, uno dei quali a causa del peggioramento delle sue condizioni di salute e gli altri tre dopo aver raggiunto un accordo con le autorità israeliane per determinare la data esatta del loro rilascio. 

Denunciata in numerose occasioni per violazione del diritto internazionale, la politica israeliana di detenzione amministrativa consente l’arresto dei palestinesi senza accusa o processo con intervalli rinnovabili che in genere vanno dai tre ai sei mesi sulla base di prove non divulgate che persino l’avvocato dell’imputato non può vedere.

Questi prigionieri iniziano sistematicamente uno sciopero della fame rifiutando il loro arresto a tempo indeterminato.

Giorni fa è stato rilasciato Ghazanfar Abu Atwan, che per 65 giorni è rimasto senza mangiare per chiedere la sua liberazione.

Secondo un rapporto pubblicato questo mese, le truppe di occupazione hanno arrestato più di 5.400 palestinesi nella prima metà del 2021, inclusi 854 minorenni e 107 donne.

Attualmente 4.850 sono dietro le sbarre nelle carceri israeliane, di cui 225 minorenni.

Ig/rob

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE