giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Realizzano in Italia manifestazione di sostegno con Cuba

Roma, 26 lug (Prensa Latina) Una folla entusiasta ha espresso oggi qui il suo sostegno al governo e al popolo cubano di fronte all'intensificarsi della politica aggressiva degli Stati Uniti contro l'isola.

 

Centinaia di italiani e cubani provenienti da un ampio spettro di organizzazioni politiche e sociali si sono riuniti nella centrale Piazza Santa Prisca da dove hanno marciato in gruppo unito fino alla sede dell’Ambasciata di Cuba in Italia, dove è finita la memorabile manifestazione, contraddistinta dalla sua grande partecipazione di persone, dalla dinamicità e con molti colori.

 

La fine del bloqueo economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti e il rispetto della sovranità e dell’indipendenza della nazione caraibica sono stati temi centrali della mobilitazione tenuta in occasione del 68° anniversario dell’assalto alla Caserma Moncada e della Giornata Nazionale Ribellione.

 

Bandiere di Cuba e del Movimento 26 luglio, manifesti e striscioni con frasi che alludono all’occasione si sono distinti nell’attività, che ha avuto una notevole presenza di giovani.

 

“Io sono Fidel”, “Cuba sì, bloqueo no!”, “Cuba sì, yankees no!” e “Il popolo unito non sarà mai sconfitto” sono stati alcuni degli slogan ribaditi dai manifestanti, mentre le note degli inni, nazionale e quello del 26 luglio hanno contribuito a sottolineare il significato patriottico e solidale dell’attività.

 

Diversi oratori sono intervenuti per dimostrare il loro sostegno incondizionato al popolo cubano e alla sua Rivoluzione in una situazione complessa causata dal bloqueo, dall’impatto della pandemia della COVID-19 e dal rafforzamento dell’aggressione da parte del governo degli Stati Uniti.

 

Da parte sua, l’ambasciatore, José Carlos Rodríguez, ha evidenziato la “tremenda emozione che proviamo con questa manifestazione” e ha ringraziato tutti “per aver ratificato la solidarietà con Cuba e la sua Rivoluzione”.

 

Rilevando che “stiamo vivendo momenti decisivi”, il diplomatico ha indicato che i nemici della Rivoluzione cubana credono che sia giunto il momento di distruggerla, “ma si sono sbagliati, perché è viva e più viva che mai”.

 

In tal senso, ha sottolineato che la sua forza risiede nell’unità delle persone che la difendono dagli attacchi di coloro che “hanno passato anni a metterci le mani intorno al collo per strangolarci” e, ha precisato, “poi ci criticano perché non possiamo respirare, come diceva il leader storico della Rivoluzione, Fidel Castro”.

 

“Ma continuiamo a respirare, continuiamo e continueremo a vivere”, ha affermato l’ambasciatore tra applausi e ripetuti sostegni a Cuba, al suo popolo e al governo guidato dal presidente Miguel Díaz-Canel.

 

Ig/fgg

 
ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE