lunedì 22 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Il percorso accidentato delle relazioni di Cuba con gli Stati Uniti

Il percorso accidentato delle relazioni di Cuba con gli Stati Uniti

Il percorso accidentato delle relazioni di Cuba con gli Stati UnitiCi sono ancora statunitensi che pensano che Cuba debba sottomettersi alla volontà di Washington, ma questa non è la volontà della maggioranza dei cubani.

Così ha sintetizzato Salim Lamrani, professore e giornalista francese, specializzato nei rapporti tra i due paesi, dopo una lunga intervista a Michael E. Parmly, ex capo della Sezione di Interessi di Washington a L’Avana, nei giorni coincidenti con i tumulti finanziati e promossi dall’estero contro l’isola.

Pubblicato sul sito https://doi.org, l’articolo riflette il pensiero di un funzionario che ha voluto sviluppare il suo lavoro facendo dei rapporti con Cuba un aspetto della politica estera del suo paese e non una questione di politica interna in cui settori conservatori, soprattutto in Florida, dettano la rotta.

Parmly è un diplomatico di carriera con più di tre decenni di esperienza. Ha lavorato a L’Avana come capo della Sezione di Interessi degli Stati Uniti (SINA) dal 2005 al 2008 durante l’amministrazione di George W. Bush, in un momento in cui i rapporti tra i due paesi erano particolarmente tesi.

La politica della Casa Bianca ha sempre voluto rovesciare il governo cubano, e in più di 60 anni, in un modo o nell’altro; l’obiettivo è stato perseguito in continue azioni pianificate e ha raggiunto il suo massimo culmine durante l’amministrazione di Donald Trump e che il suo successore, Joe Biden, mantiene in corso.

Durante il suo periodo alla guida dell’ufficio, Parmly, che si definisce un diplomatico di carriera e “per un quarto cubano” per avere legami familiari con il leader antimperialista dell’isola Antonio Guiteras, ha cercato di adottare un approccio diverso, ha detto.

L’anche professore degli Studi sulla sicurezza nazionale al National War College, era favorevole alla normalizzazione delle relazioni, e ha persino pubblicato uno studio su Guantanamo, in cui chiede a Washington di restituire la base navale a Cuba.

Nella sua conversazione con Lamrani, ha affermato di avere molti contatti con i cubani e con la realtà del paese.

“Ho avuto una conversazione con la Segretaria di Stato, Condoleeza Rice, circa due mesi dopo il mio arrivo a L’Avana. Mi ha detto testualmente: ‘Michael, non voglio che tu faccia di Cuba una questione di politica interna statunitense. Voglio che tu faccia politica estera a Cuba’”, ha detto.

Questa dichiarazione di Rice, ha detto, era di grande importanza per me. “I miei predecessori avevano interpretato il loro ruolo come rappresentanti di Miami, della comunità cubana negli Stati Uniti. Ma Condoleeza mi ha detto che voleva che mi comportassi a L’Avana con una posizione normale, cioè che mi occupassi della politica estera”.

Dovevamo ascoltare e capire i cubani, poiché nessun altro nel governo degli Stati Uniti aveva quella capacità… Il mio presidente George W. Bush non capiva cosa stava succedendo a Cuba e grazie a noi capiva un po’ meglio l’isola.

 

Ha sottolineato che durante il suo mandato sull’isola non ha mai temuto per la sua sicurezza, cosa che contrasta con la posizione dell’amministrazione Trump, che è presumibilmente infondata e che non ha mai dimostrato che i diplomatici del suo paese siano stati perseguiti da presunti “attacchi sonici”.

In un’altra parte delle sue dichiarazioni, ha sottolineato che i cubani sono molto colti e ne sono consapevoli. “La cultura cubana è molto ricca. Quindi i cubani ne sono naturalmente orgogliosi”, ha sottolineato.

Ciò che caratterizza i cubani è il loro orgoglio e il loro carattere, ha concluso.

Luis Beaton, giornalista di Prensa Latina

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE