mercoledì 24 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

A Cuba numeri allarmanti di pazienti pediatrici con la COVID-19

A Cuba numeri allarmanti di pazienti pediatrici con la COVID-19

A Cuba numeri allarmanti di pazienti pediatrici con la COVID-19L'Avana, 6 ago (Prensa Latina) Dall'inizio della pandemia, a Cuba sono stati segnalati circa 69.539 pazienti di età inferiore ai 18 anni con la COVID-19, hanno riferito oggi le autorità sanitarie nazionali.

Secondo il capo del gruppo nazionale di pediatria, Lissette López, in una conferenza televisiva questo venerdì, questa cifra rappresenta il 15,8 per cento dei 439.899 malati nel paese fino ad oggi.

Lo specialista ha anche specificato che questo numero totale di casi pediatrici rappresenta il due per cento dell’intera popolazione giovane dell’isola, che supera i 2.400. mila.

Rispetto alla prima settimana di agosto del 2020, in cui sono stati notificati solo sette pazienti positivi di età inferiore ai 18 anni – nessuno dei quali neonati – lo stesso periodo nel 2021 ha mostrato più di 7.900 casi pediatrici, di cui 490 neonati.

“Mentre quelli riportati l’anno scorso in quelle date erano limitati solo a L’Avana e ad Artemisa, tutti gli ultimi sette giorni sono distribuiti su tutto il territorio nazionale, tranne che nel comune speciale di Isla de la Juventud”, ha affermato l’esperto.

Riferendosi ai pazienti deceduti a queste età, López ha spiegato che durante tutto il 2020 non ne sono stati segnalati, ma dall’aprile 2021 – quando è stato dichiarato il primo decesso pediatrico – ne sono già stati accumulati sette.

“D’altra parte, più di 400 bambini sono stati ricoverati in terapia intensiva sull’isola dall’inizio della malattia e, sebbene la sopravvivenza superi il 99,9%, dobbiamo cercare di garantire che neonati e adolescenti non siano infetti”, precisa la direttiva.

Ha anche chiarito che in questo momento la maggiore fonte di infezione sono i contatti domestici e c’è una percentuale significativa di fonti di contagio non specificate, il che crea complessità nel tagliare la catena di trasmissione.

López ha concluso il suo intervento confermando che le due sperimentazioni cliniche avviate a Cuba per queste età, Soberana Pediatría a L’Avana e Ismaelilllo a Camagüey, stanno proseguendo positivamente.

Ig/ghp

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE