martedì 16 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Cuba sostiene un trattato sulla proibizione delle armi nucleari

L'Avana, 9 ago (Prensa Latina) Il ministro delle Relazioni Internazionali, Bruno Rodríguez, ha oggi sostenuto la promozione del Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari, come mezzo per l'eliminazione totale e definitiva di questo tipo di arsenali.

Il cancelliere ha assicurato nel suo account Twitter ufficiale che “gli abominevoli bombardamenti atomici” contro le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, rispettivamente il 6 e il 9 agosto 1945, richiedono una lotta implacabile per un mondo libero da queste armi.

76 anni fa, durante la seconda guerra mondiale (1939-1945), gli Stati Uniti sganciarono gli esplosivi che uccisero più di 200.000 persone, compresi bambini, e oggi hanno lasciato conseguenze senza fine.

Il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari è entrato in vigore il 22 gennaio 2021, dopo aver raggiunto le 50 ratifiche necessarie.

Cuba ha firmato questo documento il 20 settembre 2017, giorno in cui è stato aperto alla firma presso la sede delle Nazioni Unite, ed è stato il quinto paese a riaffermare il documento il 30 gennaio 2018, che è un altro esempio del suo interesse per un impegno generale e completo disarmo, secondo il portale della Cancelleria.

Il Trattato vieta lo sviluppo, la sperimentazione, la produzione, la fabbricazione e altre forme di accesso a tali manufatti, il trasferimento o accoglienza e il parcheggio; introduce anche temi come l’assistenza alle vittime e il ripristino ambientale.

Questo è il primo accordo che qualifica specificamente l’uso di armi nucleari come una minaccia per l’umanità e un atto contrario al diritto internazionale.

Ig/cgc

 

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE