venerdì 12 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

I prigionieri palestinesi in Israele sospendono lo sciopero pianificato

Ramallah, 15 set (Prensa Latina) Quasi 1.400 palestinesi nelle carceri israeliane hanno sospeso uno sciopero della fame pianificato dopo aver ottenuto le loro richieste, inclusa la fine degli abusi e dei trasferimenti, ha annunciato oggi una fonte collegata al gruppo.

 

Il gruppo dei prigionieri palestinesi ha spiegato in una dichiarazione che il servizio penitenziario del paese vicino ha accettato di “cancellare le punizioni collettive”, applicate dalla scorsa settimana dopo la fuga di sei di loro da Gilboa, un centro di massima sicurezza.

 

Secondo i piani precedenti, 400 detenuti avrebbero smesso di mangiare nel carcere di Ramón, 300 a Ofer, 200 a Nafha, altrettanti a Megiddo, 100 a Gilboa, 80 a Eshel e 50 nelle strutture di Shatta e Hadarim

 

L’elenco comprendeva circa 100 detenuti di alto rango, tra cui Marwan Barghouti, che è dietro le sbarre dal 2002.

 

Con grande popolarità nelle strade palestinesi, Barghouti è stato uno dei leader della prima e della seconda Intifada, come sono conosciute le rivolte palestinesi contro l’occupazione israeliana.

 

I prigionieri chiedevano la fine della repressione, dei trasferimenti arbitrari e dell’isolamento di molti di loro, punizioni applicate dalla fuga di Gilboa, soprattutto contro i membri della Jihad islamica, poiché cinque dei sei fuggitivi appartenevano a quell’organizzazione.

 

In questo contesto, il ministero degli Esteri palestinese ha denunciato le torture commesse nelle carceri israeliane e ha invitato la comunità internazionale a porre fine a questi crimini.

 

Ig/rob

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE