giovedì 25 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Ricordano il cantautore Víctor Jara nell’anniversario del suo omicidio

Santiago del Cile, 16 set (Prensa Latina) Numerosi messaggi inondano oggi i social network in omaggio al cantante e compositore cileno Víctor Jara, in occasione del 48° anniversario del suo assassinio, da parte della dittatura di Augusto Pinochet.

L’autore di brani emblematici come “El derecho de vivir en paz” e “Te recuerdo Amanda”, fu arrestato dalle forze militari l’11 settembre 1973 presso l’allora Università Tecnica di Stato e portato allo stadio del Cile, dove fu torturato e crivellato di proiettili cinque giorni dopo.

“48 anni dopo il brutale omicidio, la sua eredità è ancora viva in Cile e nel mondo”, ha scritto il politico Daniel Jadue, membro del Partito Comunista, sul suo account Twitter, avvertendo che per Víctor si attende ancora giustizia.

Mentre la deputata Marisela Santibáñez ha avvertito che questo crimine per mano della dittatura militare non potrà mai mettere a tacere la sua voce, la sua chitarra e le sue canzoni, che sono diventate immortali nelle lotte del popolo.

Víctor Jara è considerato un punto di riferimento della canzone di protesta e uno dei musicisti più emblematici del movimento noto come la Nuova Canzone cilena.

“Né perdono né dimenticanza”, ha scritto sui social la candidata a deputata, Florencia Lagos.

Al di fuori del Cile, numerose personalità hanno reso omaggio all’eccezionale musicista, regista teatrale e insegnante.

Questo settembre il consiglio municipale di Estación Central, nella capitale cilena, ha deciso di nominare Víctor Jara una sezione de Avenida Ecuador.

Nel frattempo, il Ministero delle Culture ha assegnato il Premio Nazionale delle Arti 2021 alla ballerina britannica nazionalizzata cilena Joan Turner, vedova dell’iconico cantautore.

Ig/car

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE