sabato 13 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

Díaz-Canel afferma che Cuba non cederà alle pressioni statunitensi

Nazioni Unite, 23 set (Prensa Latina) Il presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel, ha affermato oggi che il suo paese non cederà all'intensificarsi del bloqueo politico e delle campagne di discredito guidate dagli Stati Uniti contro l'isola.

Cuba non ha paura delle menzogne né si inginocchia sotto pressioni, condizionamenti o imposizioni, vengono da dove vengono, ha ribadito il presidente partecipando virtualmente alla 76° Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

In quel forum mondiale, Díaz-Canel ha ricordato che il suo paese ha subito da quasi sei decenni il più crudele e prolungato bloqueo economico, commerciale e finanziario applicato contro una nazione, esacerbato in modo opportunistico e criminale nel bel mezzo della pandemia della COVID-19.

L’attuale amministrazione democratica del presidente Joe Biden mantiene invariate le 243 misure di coercizione adottate dall’amministrazione Trump, inclusa l’inclusione di Cuba nell’elenco spurio e immorale dei paesi che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo, ha sottolineato.

Ha anche denunciato che come parte di questa politica, la sua nazione è vittima di una guerra non convenzionale che coinvolge fondi milionari del Tesoro degli Stati Uniti per campagne di manipolazione e menzogne attraverso l’uso di nuove tecnologie dell’informazione e altre piattaforme digitali.

Ha sottolineato che queste azioni cercano di proiettare all’interno e all’esterno un’immagine assolutamente falsa della realtà cubana, seminare confusione, destabilizzare, screditare il paese e giustificare la dottrina del cambio di regime.

Nel suo discorso, Díaz-Canel ha condannato l’uso di misure di coercizione economica contro gli stati sovrani da parte degli Stati Uniti, che anche richiede ai suoi alleati di costruire coalizioni per rovesciare i governi legittimi.

Ha affermato che in mezzo a questo scenario, Cuba pratica la solidarietà disinteressata per chi ne ha bisogno e riceve, con gratitudine, il sostegno dei governi, dei popoli, degli amici e della comunità cubana all’estero.

I nostri nemici devono essere chiari sul fatto che non cederemo la Patria e la Rivoluzione che diverse generazioni di patrioti ci hanno lasciato, ha sottolineato.

Ig/evm

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE