venerdì 19 Aprile 2024
AGENZIA DI STAMPA LATINOAMERICANA
Search
Close this search box.

La violenza della polizia chiude la giornata di mobilitazione in Colombia

Bogotá, 29 set (Prensa Latina) Le violenze della polizia in diverse zone della Colombia hanno chiuso oggi la giornata di mobilitazione nazionale indetta dal Comitato Nazionale per lo Sciopero.

Fino a dopo mezzanotte, membri della squadra antisommossa (Esmad) hanno attaccato i giovani di questa capitale che si sono uniti alle manifestazioni il cui slogan era Per la pace, la vita, la democrazia, contro il pacchetto del presidente Duque e la corruzione.

Attraverso Twitter, personaggi pubblici e organizzazioni sociali e non governative hanno denunciato l’eccesso di questo corpo d’élite della polizia.

“Vicino alle manifestazioni dell’Università Industriale di Santander, a Bucaramanga, c’era l’esercito per intimidire i giovani che hanno deciso di manifestare in commemorazione dei cinque mesi dello sciopero nazionale iniziato il 28 aprile”, ha detto un utente di Internet di nome Fisico Impuro, su Twitter.

La presidentessa nazionale del Movimento Alternativo Indigeno e Sociale, Martha Peralta Epieyú, ha assicurato nella stessa rete che trattano i manifestanti pacifici come se si trattasse di una guerra.

“Lo stato non può continuare a legittimare l’eccessiva violenza dell’Esmad. La manifestazione è un diritto e va garantita. Quante persone sono rimaste gravemente ferite solo in questo attacco?”.

Da parte sua, anche l’organizzazione Lazos de Dignidad, ha avvertito tramite Twitter che la situazione dei diritti umani è preoccupante in questa capitale.

Omicidi, torture, lesioni agli occhi, abusi sessuali, sparizioni di persone, tra le altre, sono state alcune delle violazioni dei diritti umani nel contesto della protesta sociale.

Ig/otf  

ULTIME NOTIZIE
NOTIZIE RELAZIONATE